Stampa

RES ROMA - ASD ROMA 0-0

Termina a reti bianche la stracittadina giallorossa

Opaca prestazione della Res Roma che non và oltre lo 0 a 0 nel match contro le cugine dell’Asd Roma, valido per la seconda giornata del primo turno di Coppa Italia.

Mister Melillo deve ancora rinunciare a Ciccotti, Marzi e Caruso, e manda in campo dal primo minuto Pipitone tra i pali, Colini, Biasotto, Gambarotta e Savini in difesa, Greggi, Coluccini, Fracassi e Simonetti a centrocampo, con Capitan Nagni e Palombi in attacco.

Le padrone di casa cercano di fare la gara ma le ospiti si difendono bene e provano in contropiede ad impensierire la porta difesa da Pipitone. La prima azione da gol è di marca ospite, con Proietti che dalla distanza manda alto. La Res Roma risponde con un sinistro di capitan Nagni parato da Melis.

Pochi i sussulti nel match, giocato soprattutto a centrocampo: al ventiseiesimo Pipitone devia in corner un bel tiro di Castiello, e sugli sviluppi del calcio d’angolo ci pensa Biasotto a salvare sulla linea un tiro dalla distanza della ex Pittaccio.

Alla mezz’ora Simonetti mette i brividi a Melis direttamente su calcio piazzato; nel finale del primo tempo l’occasione più ghiotta capita sui piedi di Palombi alla quale si oppone Melis con un grande intervento.

Nella ripresa Palombi è costretta a lasciare il posto a Picchi per un problema alla caviglia; l’Asd Roma ci prova al quinto con un tiro dai quaranta metri di Volpi e qualche minuto dopo con conclusione di Iole deviata in korner di Pipitone.

L’innesto di Nicosia al quarto d’ora dona fluidità alla manovra della Res Roma che inizia a trovare i varchi giusti nella difesa ospite: Nicosia semina il panico in almeno tre occasioni, senza però troppa fortuna. Le occasioni migliori capitano sui piedi di Coluccini e Proietti, ma Melis e Pipitone dimostrano tutte le loro qualità e il risultato non cambia. Al triplice fischio esultano le ospiti per esser uscite indenni dal difficile campo della Res Roma.

Le dichiarazioni del tecnico romano, Fabio Melillo: “E’ stata una partita intensa, con le due squadre che si sono fronteggiate con grande dispendio fisico, cercando di esser corti e chiudendo ogni spazio. Sapevamo che sarebbe stata una gara ostica, le ragazze hanno fatto quello che avevamo chiesto, cercando di giocare palla velocemente e senza personalismi; da questo punto di vista sono soddisfatto. Il secondo tempo lo abbiamo fatto quasi tutto nella loro metà campo ma ci è mancato il guizzo finale. Complimenti a tutte le ragazze scese in campo, che hanno disputato una gara corretta. E’ stato un test utile in funzione del debutto in campionato di Domenica prossima.”

RES ROMA – ASD ROMA 0-0

Res Roma: Pipitone, Colini, Gambarotta, Savini, Greggi, Simonetti, Biasotto, Coluccini, Palombi, Nagni, Fracassi. A disp.: Spagnoli, Picchi, Simeone, Nicosia, Mancini, Labate, Di Giammarino. All.: F.Melillo

Asd Roma: Melis, Capparelli, Bevilacqua, Ferrazza, Lucci, Volpi, Pedullà (13° Visentin), Carosi (27° De Vecchis) , Pittaccio, Proietti, Castiello (37° Monaco). A disp: Casaroli, Santoloci, Cortelli, Ciccarelli. All.: A.Seleman

Arbitro: Notarangelo di Cassino

Ammonite: Simonetti (RR) – Castiello – Santoloci (R) 

Commento (0) Letture: 853
Stampa

COPPA ITALIA: LAZIO WOMEN – RES ROMA 1-7

Gara senza storia, troppo forti le giallorosse per la Lazio del neo presidente Lotito

Debutto con i fiocchi per la Res Roma calcio femminile che tiene a battesimo la nuova Lazio Women del presidente Lotito nel primo match di Coppa Italia, ed espugna il "Felsini" di Formello con un perentorio 7 a 1.

Troppo ampio il divario tra le due squadre con le giallorosse che dimostrano di essere da serie A, palcoscenico che le vede protagoniste da ormai diversi anni. Mattatrice della serata il bomber Claudia Palombi che dimostra di avere lo stesso DNA del fratello Simone, bomber della Lazio maschile, mettendo a segno 3 delle 7 reti delle ospiti.

Mister Melillo deve fare a meno di Caruso e Marzi e manda in campo dal primo minuto Pipitone tra i pali, Biasotto, Colini, l'ex di turno Savini e Gambarotta in difesa, Fracassi, Simonetti, Coluccini e Greggi a centrocampo, con Palombi e Capitan Nagni in attacco.

La Res Roma impone subito la propria superiorità e al primo minuto sfiora il gol con Palombi, il cui tiro di prima intenzione si stampa sulla traversa; passano due minuti e ci prova Coluccini dalla distanza, emulata subito dopo da Greggi, ma entrambe le conclusioni terminano fuori.

Al sedicesimo minuto il gol che sblocca il match: lungo lancio di Gambarotta per Palombi che di testa supera Sarnataro e firma il primo gol del derby, ed il primo gol della stagione 2015/2016 per la Res Roma.

Al ventunesimo il raddoppio: Greggi serve Simonetti che di tacco mette la palla al centro per l’accorrente Coluccini che di prima intenzione gonfia per la seconda volta la porta di Sarnataro.

Le padrone di casa hanno un sussulto di orgoglio ed al ventesimo accorciano le distanze con Berarducci, che si procura e trasforma il penalty che vale il temporaneo 1 a 2, ma la gioia delle biancocelesti dura solo un minuto, il tempo necessario a Palombi per trasformare in gol un assist di Coluccini.

Sul tre a uno per le ospiti le azioni si susseguono: al trentaduesimo ci prova capitan Nagni, mentre al trentacinquesimo e al quarantesimo Simonetti sfiora il gol con due belle conclusioni dalla distanza, entrambe deviate in angolo dal numero 1 biancoceleste; sul finale della prima frazione la Lazio va vicinissima al gol con Berarducci, la cui conclusione a rete è salvata sulla linea da Savini.

Nella ripresa la Lazio crolla e la Res Roma dilaga: al primo minuto è ancora Palombi ad andare in gol su assit di Nagni, mentre al settimo ci pensa Greggi direttamente su punizione a firmare il 5 a 1.

Al quarto d’ora è il turno di Simonetti che dalla distanza trafigge Sarnataro, mentre due minuti dopo l’arbitro annulla un gol a capitan Nagni per un sospetto fuorigioco. Passano ancora pochi minuti e c’è gloria anche per la neo entrata Nicosia, che si procura e trasforma il rigore che vale il definitivo 7 a 1 per la Res Roma.

Le parole del tecnico della Res Roma, Fabio Melillo: “Abbiamo fatto una buona partita e quindi anche un buon test per ritrovare il ritmo di una partita vera che ci mancava da tantissimo tempo; le ragazze hanno dimostrato che quando muovono palla rapidamente a uno o due tocchi, hanno idee chiare e creano ottime trame di gioco. Nella parte finale del primo tempo abbiamo ecceduto in qualche preziosismo mentre voglio che ci sia una capacità corale di gioco completamente diversa. Il secondo tempo fa meno testo, perché le ragazze della Lazio, a corto di preparazione, hanno mollato un pò permettendoci di dilagare, anche in maniera fin troppo semplice. Mi complimento comunque con le ragazze della Lazio, che si sono affacciate ad un nuovo mondo e lo hanno fatto tenendo il campo in maniera dignitosa, pur sapendo di esser a corto di preparazione e giocatrici. Auspico che il calcio dei professionisti riesca a prender esempio dalla dignità con cui le ragazze si comportano e cercano di fare risultato in campo. Mi ha fatto piacere poter rivedere in campo dopo due anni di assenza Berarducci, calciatrice di spessore e di livello.”

LAZIO WOMEN – RES ROMA 1-7

Marcatrici: 16° - 30° 46° Palombi (RR) – 21° Coluccini (RR) – 29° Berarducci (L) – 52° Greggi (RR) – 61° Simonetti (RR) – 67° Nicosia (RR)

 

Res Roma: Pipitone, Colini, Gambarotta, Savini (57° Picchi), Greggi, Simonetti, Biasotto, Coluccini (79° Simeone), Palombi (67° Nicosia), Nagni, Fracassi. A disp.: Pagano, Cela, Mancini, Di Giammarino. All. F.Melillo

Lazio Women: Sarnataro, Schiavi, Lommi, Latini, Autili, Sette, Corradino, Santoro, Coletta, Berarducci, Celli. A disp.: Mari, Angelini Fanelli, Olivieri. All. De Cosmi.

Arbitro: N.Tchato di Aprilia

Commento (0) Letture: 795
Stampa

RES ROMA, E’ L’ORA DEL DERBY!

A FORMELLO DEBUTTO STAGIONALE CONTRO LA LAZIO DEL PRESIDENTE LOTITO

Dopo quasi due mesi dal via della preparazione pre-campionato, iniziata lo scorso 13 Agosto, per la Res Roma è finalmente giunto il momento di iniziare la stagione 2015/2016, con il match di Coppa Italia contro le cugine della Lazio del presidente Lotito, che fa il suo ingresso ufficiale nel calcio femminile italiano dopo aver rilevato la società dalla storica presidente bianco azzurra Elisabetta Cortani.

Gara dai mille risvolti e dalla significativa importanza per entrambe le compagini, non solo perché si tratta del “derby di Roma”: le giallorosse di mister Melillo sono reduci da una stagione straordinaria, che le ha viste protagoniste anche in Coppa Italia, e vorranno esordire nel migliore dei modi per dimostrare che anche quest’anno sono pronte a far parlare di sé; sull’altro fronte le cugine laziali cercheranno di bagnare in modo positivo il debutto del loro neo presidente, uno dei primi, dopo il patron della Fiorentina Della Valle, a credere nel connubio tra calcio maschile e calcio femminile.

Per quel che concerne le probabili formazioni, diversi i problemi da fronteggiare per il tecnico della Res Roma, Fabio Melillo, che dovrà fare di certo a meno di Marzi, ferma per infortunio, di una tra Greggi e Caruso, per questioni di età, e con molta probabilità dovrà anche rinunciare alle ex di turno Ciccotti, Picchi e Savini, e di Labate, tutte alle prese con infortuni muscolari.

Certa la presenza tra i pali di Pipitone, e di Nagni al centro dell'attacco, che torna a disputare una gara ufficiale dopo aver messo al mondo il piccolo Francesco, lo scorso 20 Giugno.

Le dichiarazioni del tecnico romanista Fabio Melillo: “Abbiamo tanta voglia di giocare visto che dal 13 Agosto siamo in preparazione: in questo periodo abbiamo fatto diverse amichevoli ma sappiamo bene che una gara ufficiale regala emozioni diverse; vogliamo interpretare la coppa nel migliore dei modi: negli ultimi 3 anni siamo stati tra i protagonisti della manifestazione e abbiamo centrato un quarto di finale e due semifinali, quindi c'è voglia di confermarci. Sarà un derby particolare: dopo anni di tante battaglie sportive non troveremo piu' stessa dirigenza, con cui per anni abbiamo rivaleggiato con rispetto e passione, dando vita a gare che hanno segnato i rispettivi percorsi. Colgo l’occasione per augurare alla ex presidente della Lazio, Elisabetta Cortani, tutto il bene possibile e un roseo futuro. La gara di Mercoledì sarà particolare, perché affronteremo una Lazio diversa, vicina ai concetti del professionismo a cui si sta avvicinando il calcio femminile italiano. Tenere a battesimo la Lazio del presidente Lotito, per noi piccoli club, è anche motivo di orgoglio e spero ci siano tutti i presupposti per uno spettacolo calcistico degno dell’avvento di una società professionistica nel nostro mondo.”

Il match, inizialmente previsto per Domenica 4 Ottobre, è stato posticipato a Mercoledi’ 7 per esigenze organizzative della SS Lazio. Le due squadre sono inserite nel girone G insieme all’Asd Roma e a alla Roma Decimo Quarto, che si sono incontrate ieri con vittoria dell’Asd Roma per 3 a 1.

Inizio gara ore 19.30 presso il centro sportivo “Formello”. Aggiornamenti in diretta sui social di riferimento della Res Roma Calcio Femminile.

Commento (0) Letture: 666
Stampa

COPPA ITALIA: PER LA RES ROMA E’ SUBITO DERBY CONTRO LA LAZIO

La LND ha reso noto i gironi della prima fase della Coppa Italia 2015-2016 e per la Res Roma il debutto stagionale è contro la Lazio Women, società appena acquisita dal presidente Lotito.

Sarà quindi subito derby per capitan Nagni e compagne, inserite nel girone G, che proseguiranno il cammino di Coppa con le stracittadine contro la Asd Roma e la Roma XIV, società neo promossa in serie B.

Il debutto contro le aquilotte avverrà il giorno 4 ottobre, presso quartier generale della Lazio a Formello, mentre la prima gara interna si giocherà tra le mura amiche del “Raimondo Vianello” contro la Asd Roma; sempre in casa, ma due settimane dopo – il 25 ottobre - il terzo ed ultimo match della prima fase, contro la Roma XIV.

Le prime due classificate del girone accederanno al turno successivo, che si disputerà il 29 Novembre, e da quel momento in poi le gare si giocheranno con la formula di partita secca ad eliminazione diretta.

Le giallorosse di mister Melillo sono reduci da due semifinali consecutive e ripartono con l’obiettivo minimo di ripetere gli exploit delle ultime due stagioni.

In attesa che prenda il via la nuova stagione, le baby giallorosse della nazionale under 17 trascinano l’Italia nella vittoria in amichevole contro la Primavera della Fiorentina: Greggi e Di Giammarino firmano le prime due reti del 5 a 3 finale, mentre Labate si rende protagonista dell’assist del terzo gol, e Caruso sfiora la marcatura in piu’ occasioni.

Per le 4 giallorosse-azzurre l'avventura con la nazionale under 17 proseguirà per ancora una settimana, con la partenza per la Macedonia, dove le azzurrine giocheranno le gare di qualificazione della prima fse del campionato Europeo di categoria.

Commento (0) Letture: 540
Stampa

Semifinale di Coppa Italia: Res Roma sconfitta di misura

TAVAGNACCO – RES ROMA 1-0

RETI: 28st Brumana

GRAPHISTUDIO: Blancuzzi, Pochero, Bissoli, Martinelli, Frizza, Tuttino, Parisi, Zuliani, Cecotti, Del Stabile (15st Lauriola), Zuliani. Allenatrice: Sara Di Filippo. A disposizione: Copetti, Mensah, F.Veritti, Blarzino, S.Veritti.

RES ROMA: Pipitone, Colini, Gambarotta (36st Nicosia), Fracassi, Villani, Morra, Simonetti (19stGreggi), Coluccini, Palombi (16st Nainggolan), Ciccotti, Pirone. Allenatore: Fabio Melillo. A disposizione: Caporro, Cunsolo, Ceccarelli.

ARBITRO: Giulio Bonaldo di Conegliano. Assistenti: Monica Zollia di Cormons e Caterina Pittelli di Tolmezzo. AMMONITE: Morra, Nainggolan NOTE: Cielo sereno, terreno in buone condizioni, spettatori 200.

Un gol di Brumana alla mezz'ora della ripresa consente al Tavagnacco di battere la Res Roma per 1 a 0 e di xMargot figurina reseliminare in semifinale le giallorosse dalla prestigiosa competizione tricolore, al termine di un match in bilico sino al triplice fischio.

Mister Melillo deve rinunciare a Cunsolo e lascia inizialmente in panchina Greggi e Nainggolan, mandando in campo dal primo minuto Pipitone tra i pali , Colini, Gambarotta, Fracassi e Morra in difesa, Villani, Simonetti, Coluccini e Ciccotti a centrocampo, con  Pirone e Palombi in attacco.

La gara inizia con un quarto d'ora di ritardo in segno di protesta nei confronti del presidente della LND Belloli, reo di aver etichettato con frasi omofobe le calciatrici italiane; le due squadre sono scese in campo uno striscione riportante la frase "NOI DONNE INDIGNATE DALL'IGNORANZA. RISPETTATECI."

La prima frazione di gioco termina a reti bianche ma regala tante emozioni: le padrone di casa partono bene e al terzo minuto vanno vicine al vantaggio con Parisi che mette i brividi alla retroguardia capitolina; al settimo è Brumana ad impensierire Pipitone con un tiro dalla distanza. Passa un solo minuto e Pirone costringe  Blancuzzi alla deviazione in angolo; al quarto d'ora è ancora l'attaccante giallorossa a rendersi pericolosa con un tiro che termina di poco a lato. La gara è vibrante: il Tavagnacco ci prova con Parisi e Brumana, la Res Roma risponde con Fracassi e con un tiro a giro di Palombi che sfiora il palo. Alla mezz'ora Palombi s'invola in area e viene atterrata da Blancuzzi ma il direttore di gara lascia correre tra le proteste delle ospiti. Prima del duplice fischio Pipitone compie un autentica prodezza su una conclusione al volo di Cecotti, sugli sviluppi di un korner.

Nel secondo tempo si assiste ad una gara più tattica e meno spettacolare: la prima vera azione da gol giunge al quarto d'ora con Coluccini che da fuori area sfiora il palo destro della porta difesa da Blancuzzi. Alla mezz'ora il gol che decide il match: cross dalla sinistra della neo entrata Lauriola e colpo di testa vincente di Brumana che sigla il gol che vale l'accesso alla finalissima. Il quarto d'ora finale è un assedio delle ospiti che sfiorano il pari con Pirone, Morra e Nainggolan ma la fortuna non sorride alle giallorosse e il risultato non cambia: al triplice fischio esultano le padrone di casa che volano in finale, dove affronteranno il Brescia. Alle giallorosse l'applauso dello sportivissimo pubblico friulano e la consolazione di aver tenuto testa ad una grande squadra.

Le dichiarazioni post gara del tecnico della Res Roma, Fabio Melillo: "Partita tirata fino alla fine: il Tavagnacco ha fatto qualcosa di più ma noi abbiamo retto botta, con una gara in cui abbiamo dato tutto; alcune ragazze le abbiamo recuperate in fretta per la semifinale e sapevamo che non potevano essere al massimo, mentre altre hanno tirato la carretta tutto l'anno e sono un po' in debito di osdigeno. Abbiamo avuto l'opportunità di andare ai rigori, e penso sarebbe stato meritato anche in virtù del rigore solare negatoci nel primo tempo. Io non so come si faccia a sbagliare su situazioni del genere; poi nel finale  direttore di gara non ci ha fatto più giocare, forse doveva andare via di corsa visto che già gli avevamo fatto perdere tempo con proteste che ha condiviso a fatica. Comunque complimenti al Tavagnacco e alle nostre ragazze, capaci di una stagione eccezionale."

 

Ufficio stampa Res Roma Calcio Femminile

Commento (0) Letture: 820
Stampa

Res Roma - Acese 3-0

COPPA ITALIA – QUARTI DI FINALE

Dieci assenze e non sentirle! La Res Roma batte l’Acese e vola in semifinale di Coppa Italia

Res Roma VS Acese 3-0

Marcatrici: 59' Palombi - 54' Pirone - 91' Labate

Res Roma: Pipitone, Colini, Gambarotta, Fracassi, Villani, Morra, Palombi (73' Labate), Ceccarelli (74 Spagnoli), Nicosia (86' Di Giammarino), Ciccotti, Pirone.  A disp.: Caporro, Cela, La Penna. All.: F.Melillo

Acese: Sciacca, Marrone, Orlando, Di Bari (5' Crisci), Masia, Lazzara,  Seranaj, Giuliano, Bassano, Privitera, Martinovic.  Piscitelli, Parlato, Foti, Capello, Battaglia. All.: Caniglia.

Tre gol di ottima fattura, tutti nella ripresa, consentono alla Res Roma di battere l’Acese per 3 a 0 e di volare in semifinale di Coppa Italia, stesso traguardo raggiunto lo scorso anno.

Le dieci assenze in casa giallorossa regalano la gioia del debutto a molte giovani del vivaio: prima partita in assoluto per Virginia Di Giammarino e Camilla Labate, entrambe classe ’99, prima convocazione per Manuela Lapenna, anche lei classe ’99, e debutto da titolare in stagione per la veterana Claudia Ceccarelli, schierata dal primo minuto dal tecnico Fabio Melillo.

Il match inizia male per le siciliane che dopo appena due minuti di gioco devono rinunciare a Di Bari, costretta a lasciare il posto a Crisci per un problema al polpaccio. La prima azione da gol è proprio delle isolane che con Privitera costringono Pipitone alla deviazione in angolo.

La Res Roma si fa pericolosa qualche minuto piu’ tardi con Fracassi, che a pochi passi da Sciacca perde l'attimo per la conclusione a rete; passano pochi minuti ed è Pirone a provarci con un diagonale che sfiora il palo.  Al quarto d’ora Nicosia di testa, a meno di un metro dalla porta avversaria, manda clamorosamente fuori.

La Res non brilla ma fa la gara, e sfiora ancora il gol con Pirone e Palombi, sempre vivaci e pericolose.

Nella ripresa le padrone di casa, sospinte da un calorosissimo e folto pubblico, entrano in campo con un piglio diverso e chiudono le avversarie nella propria metà campo, collezionando azioni da gol. Dopo appena un minuto è ancora Nicosia a sfiorare il gol del vantaggio; passano sessanta secondi ed è il turno di Palombi che manda alto.

Al quarto minuto il gol del meritato vantaggio: assist millimetrico di Ciccotti, scatto bruciante e diagonale chirurgico di Palombi che firma l'uno a zero.

Sulle ali dell’entusiasmo le giallorosse continuano il loro forcing e al nono giunge la rete del raddoppio, ad opera di Pirone, che supera Sciacca con un bellissimo tiro al volo dal vertice destro dell'area di rigore siciliana: palla nel sette e rete del 2 a 0 per la Res Roma.

Al quarto d’ora Ceccarelli colpisce il palo direttamente su calcio di punizione; nei minuti successivi Pirone sfiora in piu’ occasione la rete del 3 a 0, sia di destro che di testa.

Nei minuti finali spazio alle giovani “ressine” e debutto tra le “grandi” per Di Giammarino e Labate, con quest’ultima che ripaga la fiducia di mister Melillo mettendo il terzo sigillo alla gara, dopo un bello scambio con Pirone.

In virtu’ di questa vittoria la Res Roma approda in semifinale di Coppa Italia, dove incontrerà la vincente della gara Riviera di Romagna – Tavagnacco, rinviata al 5 Maggio.

Soddisfatto a fine gara il tecnico romanista, Fabio Melillo: “E’ una grande soddisfazione raggiungere per il secondo anno consecutivo la semifinale di Coppa Italia; sono contentissimo perché abbiamo dimostrato di esser veramente squadra: questa è la vittoria di un gruppo coeso che lavora insieme da agosto con concentrazione e qualità.  Questo ha permesso di avere una identità di squadra pur avendo tantissime assenze. Sono felice delle nostre giovani convocate ed impiegate, e dello spazio che sono riuscite a ritagliarsi Nicosia e Ceccarelli, colonne storiche di questa società e che oggi hanno dato tantissimo. Una menzione particolare per Ciccotti, che secondo me ha fatto una gara eccezionale. Complimenti a Labate per il suo primo gol in prima squadra, sono sicure che ne seguiranno tanti altri.”

Commento (0) Letture: 1033