Stampa

VANESSA NAGNI, LE 401 MERAVIGLIE DI TOTTINA!

Con il gol segnato di testa al Chieti al minuto 54, Vanessa Nagni, capitano e anima della Res Roma, non ha semplicemente siglato la rete che ha dato il via alla rimonta giallorossa in un match poi vinto 2 a 1, ma ha siglato il gol numero 400 con la maglia della Res Roma, raggiungendo un traguardo storico e forse ineguagliabile. Un traguardo tra l'altro superato 31 minuti dopo, quando la "Tottina" del calcio femminile italiano su rigore, ha segnato il gol vittoria, mettendo a segno la rete 401 della sua carriera ressina.

I numeri parlano chiaro: 329 presente totali tra Campionato e Coppa, 401 le reti, di cui 77 tra Coppa Italia e Coppa Lazio, e 324 in campionato, tra serie C, B, A2 e A.

Per il suo attaccamento alla maglia e per il suo modo di giocare, oltre che per l'inequivocabile carisma verso compagne e tifosi, Vanessa Nagni è stata ribattezzata da un pò di anni la "Tottina" del calcio femminile: come Totti è una bandiera, come Totti è un simbolo, come Totti è la prova che il calcio può ancora regalare quelle storie romantiche di altri tempi che tanto ci fanno amare questo sport.

Negli anni ha saputo crescere, in campo e fuori, trasformandosi da bomber implacabile e a volte egoista, in una grande "assist-woman", fornendo quell'ultimo fondamentale passaggio alle compagne che poi hanno siglato gol importanti.

Da meno di due anni è diventata mamma di Francesco (come Totti!) e qualcuno diceva che come calciatrice era finita: a Totti lo dicono per l'età che avanza, a lei per la maternità, ma in entrambi i casi le parole di chi spara frasi a caso non corrisponde alla realtà del prato verde; la nascita di Francesco l'ha tenuta lontano dai campi per un anno, ma a soli due mesi di distanza dal parto era già in campo per il ritiro pre-campionato, e dopo qualche mese di ovvie difficoltà, ha pian piano risalito la china e zittito e tutti.

Ma Vanessa non è grande solo in campo, sa di essere importante per tutto il settore giovanile della Res Roma e alle giovani ressine non fa mai mancare il proprio supporto e la propria presenza: lo scorso 14 Marzo la Primavera della Res Roma ha giocato la finalissima del “Beppe Viola” e il Capitano non poteva mancare; 700 km in treno, con il piccolo Francesco al seguito, per far sentire il suo affetto e per festeggiare con tutte le baby giallorosse la vittoria dell’ambito trofeo.

Gol, assist, grandi prestazioni: se è vero che il segreto della Res Roma è un grande gruppo, coeso ed omogeneo, guidato da un grande condottiero, è anche vero che il fiore all'occhiello di questa squadra, la stella cometa che indica la strada e spiana i percorsi, è di sicuro il CAPITANO, scritto con tutte le lettere in maiuscolo. Per quello che rappresenta, per quello che ha fatto, per quello che fa e per tutto quello che farà!

Commento (0) Letture: 1201
Stampa

SERIE A – LA RES ROMA OSPITA IL CUNEO

Con la gioia per il trionfo al "Beppe Viola" ancora nella testa e nel cuore, la Res Roma si rituffa in campionato per affrontare il Cuneo, nel match valido per la sesta giornata di ritorno del campionato di Serie A di calcio femminile che si giocherà al “Brasili” di Roma sabato prossimo alle ore 15.

Le capitoline sono reducI dalla vittoria in quel di Chieti, dove capitan Nagni, con una doppietta, ha portato le giallorosse al quarto posto in classifica, a quota trenta punti, raggiungendo il quotato Verona.

Anche il Cuneo è reduce da un successo altrettanto importante, ottenuto ai danni del Tavagnacco, sconfitto per 2 a 1, che ha portato le piemontesi a quota 20 punti, in una posizione di classifica lontana dallo spettro play out.

Nove le vittorie in campionato finora ottenute dalla Res Roma, al cospetto dei 3 pareggi e delle 4 sconfitte; 6 vittorie, due pareggi e 8 sconfitte è invece lo score del Cuneo; 29 le reti realizzate da capitan Nagni e compagne, che ne hanno subite 22, mentre per il Cuneo 21 sono i gol realizzati e 28 quelli subiti.

All'andata vittoria della Res Roma per 1 a 0, con gol decisivo della "principessa giallorossa" Flaminia Simonetti, in rete ad inizio gara.

Mister Melillo dovrà fare a meno della nazionale under 17 Greggi e delle infortunate Ciccotti e Palombi.

“Il Cuneo è una grande squadra - ha dichiarato il capitano della Res Roma, Vanessa Nagni - e lo sta dimostrando di gara in gara: hanno giocatrici importanti ed esprimono un ottimo calcio, quindi sarà davvero dura: siamo in alto in classifica e vogliamo rimanerci, e per farlo dobbiamo continuare sulla scia che ci ha portato al quarto posto, dando sempre il massimo e seguendo le direttive del nostro mister. Colgo l’occasione per complimentarmi con le nostre giovani, che ci hanno regalato l’ennesima gioia: sono un gruppo fantastico, e sono fiera di vedere in loro il nostro presente ed il nostro futuro.”

Start ore 15 – Centro sportivo Borghesiana - Campo “M.Brasili” – Via Lentini – Roma – Ingresso gratuito

Serie A

17^ giornata

Tavagnacco-Brescia

AGSM Verona-Chieti

Res Roma-Cuneo

Como 2000-Mozzanica

Jesina-San Zaccaria

Fiorentina WS-Luserna

Classifica

Fiorentina WS 45

Brescia 42

Mozzanica 31

AGSM Verona - Res Roma 30

Tavagnacco 24

Cuneo 20

San Zaccaria 15

Como 2000 14

Luserna - Chieti 11

Jesina 4

 

Commento (0) Letture: 468
Stampa

GIULIA LIBERATI: " DOPO IL RAMMARICO DELLO SCORSO ANNO... LA RIVINCITA!"

Si è da poco concluso il prestigioso campionato giovanile Arco di Trento - Trofeo Beppe Viola dove la Res Roma ha potuto alzare al cielo il trofeo tanto ambito, conquistato dopo la vittoria ai rigori con il Verona, e al 4 a 0 rifilato al Napoli nella finalissima. Tra le protagoniste della vittoria c’è il giovane difensore romano Giulia Liberati, perno della difesa giallorossa e ormai veterana della squadra diretta da mister Melillo, con cui ha già vinto due scudetti e diversi titoli regionali nelle categorie Giovanissime e Primavera.

Ciao Giulia, avete appena conquistato il prestigioso trofeo Arco di Trento - Trofeo Beppe Viola: descrivici le tue emozioni.

"Dopo il rammarico dello scorso anno, ora possiamo goderci la rivincita! Ho provato un'immensa gioia e non nascondo che è un torneo che meritavamo di vincere."

Con il Verona si è ricorso ai rigori: una vittoria sofferta ma meritata.

"Il Verona è sicuramente una grande squadra e ben organizzata; abbiamo avuto tante occasioni da goal che non abbiamo sfruttato al meglio arrivando così ai calci di rigori, dove siamo state più brave ed abbiamo ottenuto la qualificazione."

Contro il Napoli, invece, un dominio assoluto…

"Contro il Napoli credo non ci sia nulla da dire: abbiamo dominato e abbiamo strameritato questa vittoria!"

Non eri al massimo della forma, ma hai saputo stringere i denti e giocare due grandi gare: come le hai vissute?

"Nonostante i problemi fisici sono contenta di aver fatto bene! Cerco sempre di non pensare ai dolori fisici, concentrandomi solo sul bene della squadra."

Da questa stagione ti stai allenando con la prima squadra che milita in serie A: cosa stai imparando dalle "big" giallorosse e chi sono i tuoi punti di riferimento?

"Sto apprendendo molto sia sul piano calcistico sia sul piano caratteriale, cercando di far emergere la voglia di combattere su ogni pallone. I miei punti di riferimento sono sicuramente Giulia Colini e Claudia Ciccotti che si sono mostrate sempre costanti nel gioco."

Prossimo obiettivo stagionale è la vittoria del campionato regionale Primavera: come immagini sarà il match di ritorno contro la Roma?

"Ovviamente puntiamo a vincere il nostro terzo scudetto Primavera e abbiamo tutte le carte in regola per uscirne vincitrici! All'andata non abbiamo sfruttato al meglio le occasioni avute, lasciando aperta la partita fino all'ultimo, ma, nonostante fossimo una in meno, abbiamo ugualmente dominato. Il match di ritorno si prospetta come una gara da non sottovalutare, in cui cercheremo di fare meglio avendo anche a disposizione Caruso."

A chi dedichi la vittoria del Torneo Arco di Trento?

"Innanzitutto alla squadra e alla società! A mister Melillo, che ha sempre creduto in noi e alle nostre potenzialità, alle ragazze della prima squadra che ci hanno sostenuto dalla tribuna e poi.... a mia madre che è sempre stata al mio fianco."

Commento (0) Letture: 833
Stampa

LA RES ROMA CONQUISTA IL “BEPPE VIOLA”: 4 a 0 AL NAPOLI NELLA FINALISSIMA!

Napoli-Res Roma 0-4

NAPOLI (4-3-3): Cioce; Lombardi, Musella (Cap.), Iorio, Pozone (29’pt Girolamo); Marotta C. (36’st Perez), Asta, De Biase; Esposito L., Moccia (1’st Marotta D.), Massa (44’st Esposito R.). A disp: Costigliola. All: Gaetano Catalano

RES ROMA (4-2-3-1): Parnoffi (28’st Franco); Pienzi (15’st De Angelis), Liberati (36’ Cice), Corrado, Giuliano; Caruso, Porcarelli (24’st Natali); Greggi, Labate (Cap.), Di Giammarino; Polli (40ì’st Valentini). A disp: Chaid, Graziosi, Cosentino. All: Fabio Melillo        

Reti: 15’pt, 18’pt e 38’st Polli (R), 13’st aut. Iorio (R)

Arbitro: Denise Perenzoni di Rovereto

Assistenti di linea: Andrea Angheben di Rovereto e Davide Pederzolli di Trento

Recupero: 2’ + 3’

Angoli 1 a 8

La Res Roma sale sul gradino più alto del podio del torneo “Arco di Trento – Trofeo BEPPE VIOLA” ed iscrive il proprio nome nella storia del torneo giovanile più importante: 2 gol per tempo valgono il 4 a 0 finale con cui le giallorosse di mister Melillo battono il Napoli nella finalissima che consente di centrare il prestigioso “double” Scudetto – Arco di Trento.

Gara a senso unico, con il risultato mai in discussione, in cui brilla il talento delle diverse “giallorosse – azzurre” schierate dal tecnico romano, con Greggi e Caruso che strappano applausi ai presenti, e con le nuove leve della Primavera campione d’Italia che dimostrano di essere all’altezza di chi le ha precedute; ottima la prova dei due “prestiti” provenienti dalla Jesina, la centrocampista Porcarelli, autrice di una bella partita, e l’attaccante Polli, assoluta protagonista del match con tre reti realizzate.

LA GARA

Mister Melillo opta per il modulo 4-2-3-1 con Parnoffi tra i pali, Pienzi, Liberati, Corrado e Giuliano in difesa, Caruso e Porcarelli in mediana, e con il tridente Greggi, Labate e Di Giammarino alle spalle di Polli.

La Res è subito padrona del campo e al terzo minuto sfiora il gol con Labate che guadagna metri e dal limite costringe Cioce alla parata in tuffo; qualche minuto dopo Polli si libera di un'avversaria e dal vertice dell'area manda la palla di poco alla sulla traversa. Al decimo punizione dalla destra di Corrado e colpo di testa di Caruso che esce di un soffio. Al quarto d'ora il gol che sblocca il match, ad opera di Polli che mette alle spalle di Cioce la palla dell’uno a zero; passano solo 3 minuti e la giovane attaccante marchigiana si ripete: Labate entra in area e prova il tiro, sulla ribattuta ci prova Porcarelli la cui conclusione viene di nuovo respinta con la palla che termina sui piedi di Polli, che senza pensarci due volte di destro firma il 2 a 0. Alla mezz'ora altra grande occasione per le romane, con Labate che supera un avversario e il portiere. ma il suo diagonale è debole e sulla linea Iorio salva la porta partenopea; al minuto trentacinque Di Giammarino entra in area e con un bel diagonale costringe Cioce alla deviazione in corner. Al trentanovesimo punizione dai 25 metri di Caruso che però manda alto; prima del duplice fischio bella azione personale di Di Giammarino che sfiora il palo con un bel tiro a giro.

Nella ripresa il copione non cambia e le azioni da gol delle capitoline si susseguono: pronti via e bel tiro di Di Giammarino che termina di poco a lato; qualche minuto dopo clamorosa palla gol di nuovo sui piedi di Di Giammarino che spreca tutta sola dinanzi a Cioce; al tredicesimo il tris: azione prolungata della Res Roma, tiro cross di Labate e sfortunata deviazione di Iorio che buca la propria porta. Si prosegue ad una porta sola: Labate non sfrutta due belle occasioni, il palo dice di no a Greggi e nel finale è ancora Polli ad andare in gol, firmando la rete de definitivo 4 a 0 per la Res Roma che porta capitan Labate e compagne ad alzare la prestigiosa Coppa del torneo trentino.

“Abbiamo giocato una gara perfetta – ha dichiarato la giovane centrocampista giallorossa Giada Greggi - seguendo ogni direttiva di mister Melillo: siamo state brave a scendere in campo determinate e concentrate, e non abbiamo praticamente concesso nulla al Napoli a cui va dato atto di non aver mai mollato e di aver giocato una buona partita. Volevamo questo trofeo che lo scorso anno ci è sfuggito di un soffio, e siamo fiere di aver centrato l’accoppiata scudetto – Arco di Trento. Ora godiamoci questa gioia e poi ci rimetteremo al lavoro per vincere la fase regionale del campionato Primavera.”

Commento (0) Letture: 1078
Stampa

ARCO DI TRENTO, C’E’ RES ROMA – VERONA

Prende il via domani 12 Marzo 2017, la 46^ edizione del prestigioso torneo giovanile "Arco di Trento - trofeo Beppe Viola": il calcio femminile italiano è rappresentato dalle prime quattro classificate dello scorso campionato Primavera, e a giocarsi l'edizione 2017 ci sono le campionesse d'Italia della Res Roma, le vice campionesse del Mozzanica, il Verona ed il Napoli, semifinaliste dello scorso campionato Primavera femminile.

Le semifinali inizieranno entrambe alle ore 15: sul campo "Varone" di Riva del Garda si giocherà la gara Napoli - Mozzanica, mentre sul campo "Mori" di Arco di Trento andrà di scena il match Res Roma - Verona.

Per le giallorosse di mister Melillo è la seconda partecipazione alla manifestazione trentina, dopo la finale raggiunta lo scorso anno e persa nella sfortunata gara contro la Fiorentina; tra le giallorosse sicura l'assenza dell'infortunata Chiappa, mentre per motivi anagrafici non prenderanno parte al torneo Palombi, Simonetti e Picchi, protagoniste del tricolore dello scorso anno ma fuori per sopraggiunti limiti di età.

Le vincenti delle due gare giocheranno la finalissima il giorno 14 alle ore 12:30 al campo centrale di Arco, mentre alle ore 10 si giocherà la finalina per il terzo e quarto posto.

Nel match di martedì 14, a prescindere da quale finale sia, la Res Roma potrà contare sui rinforzi Polli e Porcarelli, entrambe in prestito dalla Jesina.

"E' un onore tornare ad Arco di Trento per il secondo anno consecutivo, e lo è ancor di più tornare ancora una volta con lo scudetto cucito sul petto - ha dichiarato il presidente della Res Roma, Ing. Nicola Franco - Come ogni gara secca la sfida con il Verona sarà ovviamente difficilissima, e le difficoltà aumentano se pensiamo al valore assoluto delle nostre avversarie e al fatto che rispetto alla nostra formazione titolare Primavera, ci mancheranno le stelle Palombi, Simonetti e Picchi. Sono però certo che sapremo dire la nostra perché l'intero gruppo giovanile della Res Roma è di alto livello e perché il nostro mister è sempre in grado di far rendere al massimo le proprie giocatrici. In ogni caso esserci è un successo oltre che una grande opportunità di crescita per tutte le nostre ragazze. Concludo ringraziando vivamente la società della Jesina e in particolare il suo Presidente, Massimo Coltorti, per averci accordato il prestito di Polli e Porcarelli e per la disponibilità che hanno sempre dimostrato nei nostri confronti."

 

Il programma

 

Domenica 12 marzo - ore 15,00

1ª semifinale: Riva del Garda - Varone (sintetico)

NAPOLI CFM COLONNA – ASD MOZZANICA

2ª semifinale: Mori (sintetico)

AGSM VERONA – SSD RES ROMA ARL

Martedì 14 marzo

Finale 3° posto (ore 10,00): Arco - Romarzollo (sintetico)

Finale 1° posto (ore 12,30): Arco - Via Pomerio (centrale, erba)

Commento (0) Letture: 1044
Stampa

SERIE A, LA RES ROMA FA VISITA AL CHIETI

Dopo lo stop di due settimane dovuto agli impegni delle nazionali femminili, la Res Roma si rituffa nel campionato di Serie A per affrontare il Chieti nel match valido per la quinta giornata di ritorno.

Le giallorosse di capitan Nagni occupano la quinta posizione del ranking con 27 punti all’attivo, frutto di 8 vittorie, 3 pareggi e 4 sconfitte, con 27 reti realizzate e 21 subite, e nell’ultimo match di campionato disputato lo scorso 18 febbraio al “Brasili”, hanno pareggiato 0 a 0 contro il San Zaccaria.

Terz’ultimo posto in classifica invece per il Chieti, che finora ha collezionato 3 vittorie, 2 pareggi e 10 sconfitte, per un totale di 11 punti. Il match di andata terminò uno a uno con le abruzzesi che pareggiarono con Di Camillo allo scadere, di un virtu’ di un penalty decretato dal direttore di gara.

Mister Melillo dovrà sicuramente fare a meno della squalificata Coluccini, mentre solo nel pre gara potrà valutare le condizioni di alcune calciatrici che saranno in dubbio fino all’ultimo.

“Sappiamo che sarà una gara difficilissima – ha dichiarato nel pre gara il tecnico della Res Roma, Fabio Melillo -  loro si giocano tanto e ora diventa altissimo il livello di attenzione; hanno sicuramente meno punti di quello che meritano, con tante giocatrici esperte e di livello, e noi dovremo dimostrare maturità e convinzione nei nostri mezzi, anche perché qualche problema di formazione l’abbiamo, ma andiamo comunque con un gruppo valido e che ha lavorato bene in questo periodo, con allenamenti e partite che ci hanno permesso di mantenere la condizione.”

Terminato l’incontro di Serie A, la comitiva giallorossa si sposterà ad Arco di Trento con il team Primavera – reduce dalla vittoria di domenica scorsa contro le cugine dell’Asd Roma - dove domenica prende il via la prestigiosa kermesse giovanile intitolata a Beppe Viola: capitan Labate e compagne affronteranno il Verona, mentre nell’altra semifinale giocheranno Napoli contro Mozzanica. Martedì 14 marzo le finali valide per il terzo e quarto posto, e per l’assegnazione del titolo.

Serie A

16^ giornata

Luserna-AGSM Verona

San Zaccaria-Como 2000

Brescia-Jesina

Mozzanica-Fiorentina WS

Cuneo-Tavagnacco

Chieti-Res Roma

CLASSIFICA

Fiorentina WS 45

Brescia 39

AGSM Verona 29

Mozzanica 28

Res Roma 27

Tavagnacco 24

Cuneo 17

Como 2000 14

San Zaccaria 12

Chieti 11

Luserna 10

Jesina 4

Commento (0) Letture: 428