Stampa

New entry nello staff tecnico della Res Roma: Antonio Genovese nuovo consulente sportivo

La Res Roma rende noto che lo staff tecnico delle giallorosse si arrichisce di una nuova figura, quella di consulente sportivo, che sarà ricoperta da Antonio Genovese.

Allenatore con Patentino Diploma B Uefa, Antonio vanta un'esperienza decennale come Talent-Scout di Inter e Monza maschile, per conto delle quali selezionava e segnalava talenti per il Settore Giovanile; nel suo curriculum anche l’esperienza con la Bocconi, la Sovicese Femminile e l’esperienza da stagista esterno al Femminile Inter Milano nella Categoria Giovanissime; inoltre ha allenato in Terza Categoria maschile, Juniores, nonché la Rappresentativa U.N.I.T.A.L.S.I. nel Triangolare benefico: "In campo per l'Emilia" del 22 giugno 2012, a Teramo contro una selezione del Teramo Calcio ed una Rappresentativa All Star capitanata da Giancarlo Antognoni con altri campioni del passato del calibro di Sebino Nela, etc..

Il fatto di essere in carrozzina non gli ha mai impedito di coltivare la passione per il calcio e, ha tramutato così la passione per il calcio giocato al calcio allenato come testimoniato dall'interesse riscontrato da vari media tra questi quotidiani nazionali, siti web sportivi, canali tematici e siti dedicati al calcio femminile con cui collabora fornendo commenti tecnici ed opinioni.

Da allenatore che conosce sia il calcio maschile che quello femminile, quale differenze noti tra i due mondi?

La differenza basilare che noto tra il calcio maschile ed il calcio femminile oltre al fatto che il calcio femminile venga considerato, anche in Serie A come dilettantistico è, che sono poche le società femminili che hanno un proprio campo, una propria struttura senza doversi appoggiare a società maschili per allenamenti e partite… poche sono anche le società che hanno un’intero Settore Giovanile e spesso si fermano alla Prima squadra e sono pochi gli introiti derivanti da sponsor per aiutare anche solo nella gestione economica di una squadra e spesso è più opera di volontari, appassionati di calcio che pur di coronare il loro sogno fanno sacrifici che nel maschile non farebbero o farebbero in maniera inferiore.

Il livello tecnico è minore rispetto al maschile dovuto non a non capacità delle atlete ma ad un’organizzazione curata meno nei minimi dettagli (come una squadra professionista maschile) che ne impedisce un’accurata e ben definita crescita, non per mancanza di volontà ma di aiuto dalla Federazione e delle strutture che gravitano intorno al pianeta calcio femminile; sono poche le squadre in Italia che si “muovono” come società professionistiche maschili.

Del calcio femminile c’è però una cosa che se supportata maggiormente a quanto descritto prima mi fa preferire allenare, collaborare nel calcio femminile. Cos’è? La passione, la voglia, la grinta che non è per nulla inferiore al maschile anzi… in allenamento le calciatrici sono anche più attente, ricettive e vogliose di capire perché fare un’esercizio piuttosto che un altro, a cosa serva mentre, nel maschile questo viene un po’ meno.

Cosa credi che occorra al calcio femminile per poter esplodere come è avvenuto in altri Stati?

Il calcio femminile italiano per potere esplodere come avvenuto in altri Stati a parer mio deve cambiare alla fonte. Non deve essere considerato un calcio minore ma considerato alla pari del calcio maschile partendo dal calcio di base facendolo conoscere nelle scuole anche con dimostrazioni e far comprendere che le ragazze non devono fare solo danza o pallavolo ma ciò che amano e tra questi il calcio, sport nazionale non deve essere da meno ma elemento di unità e coesione e per fare ciò occorrono maggiori investimenti, visibilità e creazione di strutture adeguate.

Ciò però sarebbe nullo se non vi fosse la volontà e le capacità di persone competenti per poterlo fare. Dovremmo a parer mio rimboccarci le maniche come ha fatto la Germania che a livello mondiale ed europeo è in assoluto la Nazione che più ha voluto cambiare. A livello Europeo vincere sei titoli europei consecutivi con la Nazionale maggiore, vincere a livello di Nazionali Giovanili, vincere a livello di Club e gratificazioni personali a livello di calciatrici. Le ultime due Champions League targate Wolfsburg, le candidature al pallone d’Oro di ben tre giocatrici del Wolfsburg non è un caso e… questa squadra come il Bayern ed altre non sono casi di omonimia col calcio maschile ma sono squadre appartenenti ad un unico Club… il Bayern Monaco di Pep Guardiola è lo stesso dove giocano le nostre Azzurre: Schroffenegger e Manieri… se società come Milan, Juve, Inter, Roma e tutte le altre avessero anche le squadre femminili, il movimento ne crescerebbe in visibilità ma soprattutto in qualità e sarebbero anche maggiori le persone che andrebbero a vedere il calcio femminile amandolo come amano il calcio maschile senza vederlo come un “calcio minore” ma come… Calcio.

Come mai hai accettato di collaborare come Collaboratore Tecnico (in Staff) con la Res Roma? dimmi a grandi linee cosa pensi del mondo Res

In estate, ho parlato con varie società di varie categorie per mettermi a disposizione qualora necessitassero di collaborazione poiché si amo allenare ma sono conscio anche dei miei “limiti fisici” e che determinate cose non posso dimostrarle sul campo ed allora, frutto anche di barriere mentali prima ancora che architettoniche che rendono più complicato un mio consolidamento in società femminili, ho cercato di ottimizzare le mie capacità fornendo la mia esperienza maturata nel maschile come Talent-Scout professionista.. a società in cui ciò potesse essere utile e collaborare in Staff e, dopo un colloquio con Fabio (Mister Melillo) si è da lì a poco creata la possibilità di lavorare in Staff fornendo la mia Collaborazione Tecnica con la Prima squadra della Res Roma; un’onore ed un piacere per una società importante con un Mister con cui condivido il pensiero calcistico, come gioco e come filosofia.

Il mondo Res iniziò a colpirmi favorevolmente nella stagione 2011/2012 quando leggevo, vedevo di un testa a testa sino alla fine con il Carpisa Napoli allenato allora da Mister Marino. La stagione successiva che culminò con la Promozione in A, e poi sempre, vide confermare quanto di buono avevo visto nella squadra, nel Gruppo della Res Roma.

Mi piace sottolineare la parola Gruppo poiché quanto di bello il mondo Res nella sua pur breve storia ha fatto, vinto ed ottenuto l’ha fatto col Gruppo ed io sono un Mister che crede che un buon Gruppo sia alla base in qualsiasi cosa, se si vuole fare bene.

Un Gruppo dove: giocatrici, allenatori, staff, dirigenti, medici remano tutti dalla stessa parte e lo fanno col sorriso di chi vuole fare calcio divertendosi e facendo divertire…beh.. è un’ottimo Gruppo che con impegno, sacrificio, esce dal campo col sorriso e non con il muso poiché se ci si allena, presenta al campo perché lo si deve fare e non perché lo si vuole fare beh… meglio non farlo… il Calcio è un gioco dove bisogna divertirsi, magari facendo anche divertire chi viene a guardarci e supportarci. Un Gruppo dove anno dopo anno la squadra non viene stravolta ma modificata appena mantenendo l’intelaiatura con pochi innesti mirati è frutto di serietà e competenza e Mister Melillo ed il resto dei componenti della Res.. Tutti sono riusciti a contribuire. Un calcio fatto di valori dove non si gioca per i soldi ma per il puro piacere di farlo e Tutti si sacrificano per la squadra.. una filosofia che Mister Melillo è riuscito ad inculcare alle proprie calciatrici e che condivido appieno anch’io.

In un così bel Gruppo è bello mettersi a disposizione e vedere che i chilometri non  pesano e collaborare.. anche se non tutti i giorni sul campo perché.. facenti parte di un Gruppo, di persone che pensano e ragionano allo stesso modo.

Da esperto del calcio femminile se dovessi puntare su qualche giovane calciatrice per il futuro, quali nomi faresti?

Mi vengono subito in mente quattro giovani calciatrici di sicuro avvenire, due di queste già venute alla ribalta grazie alle convocazioni con la Nazionale di Sbardella-Guarino prima e Corradini poi e cioè: Flaminia Simonetti centrocampista proprio nella Prima squadra della Res Roma ed Elena Pisani difensore nella Prima squadra della Bocconi, Elena Comai centrocampista della Primavera della Bocconi (tra le più piccole, classe ’99 che ho avuto il piacere la scorsa stagione di avere come Capitano) e Giada Pilato portiere della prima squadra del Femminile Inter.

Il campionato di serie A... chi vince il titolo e chi sarà la sorpresa della stagione?

Secondo me questa stagione il Campionato finirà a Verona dove in un’ottimo collettivo sono state inserite giocatrici importanti e di qualità… non a caso l’attacco della squadra scaligera è anche l’attacco della Nazionale guidata dal C.T. Cabrini.

Come sorpresa credo e spero ci saremo ancora noi divenendo così non più una sorpresa ma una realtà e con noi il Firenze ha ben operato in estate; credo inoltre, per posizioni di alta classifica, in una risalita del Mozzanica guidata da Mister Nazzarena Grilli, una Grande Allenatrice che lo scorso anno, militando entrambi nella stessa società, ho avuto il piacere modo di ammirare, confrontarmi.

Fantacalcio... la tua formazione ideale (anche calciatrici straniere)

Indico due formazioni: una appartenente al solo campionato italiano e l’altra inserendo anche giocatrici militanti in campionati esteri.

La prima: Pipitone (Res Roma); Piva (Mozzanica), Manieri (Bayern Monaco), Schiavi (Mozzanica), Tona (Torres); Camporese (Tavagnacco), Bonansea (Brescia) Tuttino (Tavagnacco), Nasuti (Brescia); Panico (Verona), Gabbiadini (Verona)

La seconda: Solo (Seattle Reign); Rohlin (Linkopings FC), Manieri (Bayern Monaco), Krahn (PSG), Tona (Torres), Goessling (Wolfsburg), Bonansea (Brescia), Cramer (Potsdam), Fischer (Wolfsburg); Schelin (O. Lyon), Le Sommer (O. Lyon)

 

Commento (0) Letture: 1271
Stampa

Res Roma: sabato tutti a Rieti a tifare Italia, domenica in campo le Giovanissime e la Res Academy

Con la prima squadra ferma per l’impegno della nazionale maggiore a Rieti contro l’Ucraina, in casa Res Roma le attenzioni ricadono tutte sul team Giovanissime e sulla Res Academy, impegnate domenica nelle rispettive gare di campionato.

Le terribili ressine di mister Piras, reduci dal 7 a 0 rifilato ai ragazzi del Navy Juniors, ospiteranno domenica alle ore 15 il team maschile della Lodigiani, battuto 3 a 0 in casa dal Dabliu nella prima giornata di campionato.

La Res Academy di mister Stefano Fiorucci invece ospiterà la Roma XIV: capitan Mosca e compagne debuterrano tra le mura amiche del Savio dopo aver espugnato per 2 a 1 il campo dell’asd Roma, e affronteranno il primo scontro al vertice della stagione, contro le campionesse regionali che all’esordio hanno battuto di misura il Real Colombo.

Se la Domenica sarà dedicata alle gare delle proprie squadre, il Sabato giallorosso si tingerà invece di azzurro: calciatrici, staff e sostenitori della Res Roma infatti si recheranno a Rieti per assistere al match di qualificazione ai mondiali tra l’Italia di Antonio Cabrini e l’Ucraina. Fischio d’inizio ore 15 presso lo stadio di Rieti.

Commento (0) Letture: 628
Stampa

Prima squadra

 

 


 

 


ROSALIA PIPITONE 

 

 

ALESSIA PARNOFFI

 

 

FILOMENA CHAID

 

 

CLAUDIA CICCOTTI

 

 

GIULIA COLINI

 

 

MANUELA COLUCCINI

 

 

HEDEN CORRADO

 

 

MARIKA GRAZIOSI

 

 

MELANIA MARTINOVIC

 

 

CRISTIANA MOSCA

 

 

GIULIA LIBERATI

 

 

LUANA FRACASSI

 

 

BENEDETTA LOMMI

 

 

CAMILLA LABATE

 

 

LUDOVICA CHIAPPA

 

 

FEDERICA SAVINI

 

 

 

GIORGIA VALENTINI

 

 

MIRIAM PICCHI

 

 

GIADA GREGGI

 

 

CLAUDIA PALOMBI

 

 

FLAMINIA SIMONETTI

 

 

VANESSA NAGNI "IL CAPITANO"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commento (14) Letture: 14823
Stampa

Res Roma e +Vista Network

Il team di calcio femminile della Res Roma, attuale capolista della Serie A, e il gruppo +Vista Network confermano la loro partnership anche per la stagione sportiva 2014-2015, un anno particolare per le giallorosse, che cercano la loro consacrazione nell’elitè del calcio italiano, e per il gruppo +Vista Network, che da poco ha inaugurato un nuovo punto vendita sulla Tiburtina, altezza Ponte Lucano, in un punto strategico, tra Villa Adriana e Villanova.

La tradizione continua, quest'anno sono 50 gli anni di attività.

Ci spiega tutto il titolare Stefano Pascucci:È stato un investimento importante, di qualche milione di euro, ma ci siamo sentiti in dovere di intraprendere questa nuova impresa per adattarci alle novità del mercato. Negli anni abbiamo costruito un gruppo solido, le banche hanno riconosciuto questo nostro lavoro e con il loro aiuto siamo riusciti a costruire questa struttura di 1600 metri quadrati. Cinquanta anni fa i miei genitori partirono con un locale di 20 metri quadrati. È un regalo anche per la nostra clientela. Le origini non si dimenticano mai. Siamo partiti da Villa Adriana e Villanova e siamo cresciuti grazie ai residenti che hanno scelto +Vista. Così abbiamo deciso di investire in primo luogo proprio in questa zona. Questo posto non è nostro, è del cliente”.

Un nuovo modo di intendere il commercio: "Al centro di tutto la salute ed il benessere. Certo, l'ottica, la vendita degli occhiali da sole e da vista resta l'elemento principale del core business del gruppo – precisa Pascucci -. Nel negozio abbiamo cercato di creare più temi, dividendolo in più aree, a seconda della categoria dei prodotti. Chi è alla ricerca di prodotti semplici può spostarsi da una parte, chi è alla ricerca del lusso da un'altra. Al secondo piano abbiamo dedicato uno spazio allo sport. Negli ultimi 15 anni sono aumentate le persone che fanno movimento, anche per ricercare più benessere. Non potevamo perdere questi clienti e abbiamo deciso di dare un grande spazio allo sport e a tutti gli occhiali, e non solo, utili alla pratica sportiva”.

La vendita al dettaglio e all'ingrosso consente un risparmio del 30 per cento.

“Abbiamo nella nostra ‘Fabbrica’ le tecnologie e gli strumenti di lavorazione e di costruzione dell'occhiale all'avanguardia, presto sarà possibile entrare nel punto vendita +Vista e creare un proprio prodotto personalizzato e firmato con il proprio nome. In futuro, inoltre, pensiamo di aprire spazi per l’acquisto di prodotti biologici o comunque riconducibili al benessere psico-fisico; spesso, infatti, i problemi di vista sono causati da altri problemi del nostro corpo”.

L’attenzione per il cliente arriva anche dal parcheggio. Niente più stress o macchine in doppia fila. A disposizione 80 posti auto. Verrà, nei prossimi mesi, realizzato un parco pubblico a ridosso del fiume Aniene, in un'area già bonificata e pulita, con le attrezzature giuste per vivere un'ora nella natura, magari con una bella passeggiata e con un percorso fitness dedicato. Relax a pochi minuti da casa. Sulla struttura i pannelli fotovoltaici, in grado di produrre energia elettrica sfruttando l'energia del sole.

 

Le nostre sedi resteranno, da Villanova a Roma, non abbandoneremo i negozi storici – prosegue Stefano Pascucci -. Inoltre abbiamo in mente di realizzare un servizio a

domicilio: quando un cliente non può spostarsi andiamo a prenderlo noi con la nostra macchina per portarlo al negozio, riportandolo poi a casa. Nel circuito dell’ottica siamo un'azienda leader, sulle nostre vendite viene studiato il mercato. Saremo tra i primi ad avere a disposizione i Google Glass “.

L'interno del nuovo locale apre alla tecnologia e al lusso: monitor di ultima generazione, un'area relax e una interamente dedicata ai bambini dove possono giocare mentre i loro genitori vengono seguiti da personale specializzato. Un pianoforte, addirittura una vecchia Fiat 500. “La Fiat 500 non è stata una scelta a caso – interviene Pascucci -. Abbiamo messo in esposizione un vecchio tipo con un navigatore di ultima generazione all'interno e uno speciale pannello all'esterno. Ecco, quando si guida la vista è molto importante. Spesso in un secondo si guarda il navigatore e la strada. Inutile aggiungere l'importanza di una buona vista per la nostra sicurezza stradale”.

Il mondo dell'ottica è entrato in una nuova dimensione, +Vista Network con questa nuova, innovativa, grande struttura a Ponte Lucano ha inaugurato il futuro.

 

 

 


Commento (0) Letture: 670
Stampa

RES ROMA, AL “RAIMONDO VIANELLO” ARRIVA LA MATRICOLA SAN ZACCARIA

Archiviata l'epica vittoria in casa della Torres, la Res Roma torna a giocare tra le mura amiche del "Raimondo Vianello" per affrontare il San Zaccaria, matricola terribile in grado di debuttare in serie A espugnando il campo del Como.

Mister Melillo dovrà ancora fare i conti con i problemi muscolari del bomber Pirone e con gli acciacchi di diverse giallorosse, e con molta probabilità riconfermerà il 4-5-1 con cui ha battuto la Torres, con Nagni unica punta.

Dal canto loro le romagnole potranno contare sulla formazione tipo e cercheranno di dar filo da torcere alle giallorosse nella speranza di bloccare la marcia trionfale di capitan Nagni e compagne. Per le due formazioni è il primo incontro ufficiale e non ci sono ex di turno.

Le parole del tecnico capitolino, Fabio Melillo: “Sarà una gara complicatissima, loro hanno fatto benissimo finora e la ritengo una formazione preparata; noi abbiamo diversi problemi che cercheremo di superare, ma servirà la rifinitura di domani x capire chi abbiamo a disposizione. Sarà importante l’atteggiamento perché se pensassimo all’impresa con la Torres perderemmo di sicuro. Ci attende una partita completamente diversa, sono sicuro che le ragazze lo capiranno dall’inizio.”

Inizio gara Sabato 18 ottobre ore 15, centro sportivo Savio, campo "Raimondo Vianello", via norma 7 - Roma. Ingresso gratuito. La gara sarà ripresa dalle telecamere di Professione Sport e trasmessa in differita Lunedì 20 ottobre su Odeon Tv.

 

Commento (0) Letture: 803
Stampa

LA RES ROMA NELLA TANA DELLE VICE-CAMPIONESSE D’ITALIA

image

Archiviata la bella vittoria di sabato scorso ai danni della Pink Bar, battuta con un perentorio 4 a 0 frutto della doppietta di Coluccini e dei gol di Nagni e Simonetti, la Res Roma si appresta ad affrontare le vice-campionesse d’Italia della Torres, nella prima trasferta del campionato di Serie A 2014-2015.

Mister Melillo dovrà fare i conti con le precarie condizioni fisiche di Pirone, che rimarrà in dubbio fino al pre-gara, mentre potrà contare sul recupero di Nainggolan, assente contro la Pink Bari per un problema muscolare; con molta probabilità sarà confermato il 4-4-2 con cui le giallorosse hanno vinto la prima di campionato.

La Torres è reduce dal doppio impegno Campionato-Champions: in serie A le rossoblu non sono andate oltre il due a due in casa del Pordenone, che nei minuti finali ha raggiunto l’insperato pareggio, e dalla bella vittoria esterna in Champion’s League, contro le slovene del Pomurje, battute per 4 reti a 2.

Queste le parole del tecnico della Res Roma, Fabio Melillo: «Sicuramente affrontiamo una squadra che dovrà ancora decifrarsi, perché è molto rinnovata rispetto alla stagione scorsa, però ha anche tante giocatrici molto forti e di livello che sapranno indicare la strada alle nuove, per rendere ancora più competitiva la Torres. Sarà una partita molto dura per noi, ma sarà un piacere giocarla, perchè consentirà di metterci alla prova, vedere quali sono le nostre potenzialità e se c’è stata effettivamente una crescita. Sono molto curioso di vedere che risposta darà la squadra: le ragazze si sono allenate moto bene e a parte qualche piccolo intoppo che vedremo di superare, cercheremo comunque di essere competitivi».

Inizio gara ore 15; aggiornamenti in tempo reale sulla pagine ufficiale face book della Res Roma Calcio Femminile.

Ufficio stampa Res Roma Calcio Femminile

 

 

 

Commento (0) Letture: 728