Stampa

Serie A - Res Roma - Verona 3-0

Seconda vittoria consecutiva per la Res Roma che batte 3 a 0 il Verona e sale in classifica a quota 9 punti, raggiungendo al quinto posto la Fiorentina, che non va oltre lo zero a zero in quel di San Zaccaria.

Un gol di Martinovic ad inizio gara, uno di Simonetti su rigore nella prima frazione ed uno di Greggi a fine match, consentono alle giallorosse di condurre in porto una vittoria meritata contro un avversario di ottimo livello, in grado di tenere il match aperto fino alla fine del match.

Mister Melillo ripropone il modulo 4-3-1-2 con cui la Res Roma ha espugnato il campo di Empoli, con Pipitone tra i pali, Labate, Colini, Savini e Fracassi in difesa, Picchi, Greggi e Ciccotti a centrocampo, e con Simonetti alle spalle del tandem d´attacco Martinovic - Nagni.

Pronti via ed è subito gol: Fracassi fornisce un assist perfetto a Martinovic che scatta sul filo del fuorigioco e con un preciso pallonetto supera Lemey e firma l´uno a zero dopo soli 22 secondi di gioco. Il Verona prova subito a reagire soprattutto con Giubilato che in un paio di occasioni s´invola sulla sinistra e prova a scardinare l´attenta retroguardia giallorossa. La gara entra nel vivo e al diciottesimo le padrone di casa raddoppiano: capitan Nagni si procura un penalty che Simonetti trasforma nel due a zero. Al venticinquesimo Thorsvaldsdottir si trova a tu per tu con Pipitone che però sventa il pericolo con una grande uscita al limite dell´area. La gara prosegue con continui capovolgimenti di fronte ma senza nessun reale pericolo per i due portieri che si limitano ad interventi di routine.

Nella ripresa il copione non cambia e le due squadre continuano ad affrontarsi a viso aperto: la prima conclusione della seconda frazione è griffata Labate la cui conclusione è facile preda di Lemey; al decimo ci prova Martinovic ma manda fuori, al ventesimo è il turno di Nagni ma Lemey para senza problemi. Le ospiti non mollano, a tratti hanno in mano il pallino del gioco ma peccano sempre nell´ultimo passaggio e giungono al tiro solo con Kongouli poco prima del trentesimo.

Alla mezz´ora bellissima conclusione di Labate che strappa applausi al pubblico di casa, mentre qualche minuto dopo Nagni manda fuori da ottima posizione. A cinque minuti dal termine il terzo e definitivo gol della Res Roma: Nagni fornisce un assist d´oro a Greggi che supera Lemey e appoggia in rete il gol che chiude il match e sancisce la vittoria per tre a zero della Res Roma.

Ovviamente soddisfatto il tecnico della Res Roma Fabio Melillo: "Grande intensità e grande partita: le ragazze l’hanno interpretata benissimo contro una squadra strutturata fisicamente. Abbiamo giocato cercando sempre la velocità negli uno contro uno, cercando gli inserimenti negli spazi; una bella gara resa ancora più bella dai nostri supporter, un’atmosfera importante nel campionato femminile."

 

 

Serie A - 6^ giornata

Res Roma - Verona 3-0

Marcatrici: 1´ Martinovic 18´ Simonetti (rig.) 84´ Greggi

Res Roma: Pipitone, Colini (85´ Palombi), Savini, Fracassi, Labate, Ciccotti (86´ Corrado), Greggi, Picchi, Simonetti, Nagni, Martinovic (75´ Romanzi). A disp.: Parnoffi, Lommi, Liberati. All.: F.Melillo

Verona: Lemey, Lipmann, Hill, Bardin, Thorsvaldsdottir, Pasini (46´ Fishley), Nichele, Giubilato (70´ Poli), Ambrosi (46´ Kongouli), Peare, Asgrimsdottir. A disp.: Bumicas, Soffia. All.: R.Longega

Arbitro: L.Cirioli di Livorno

Ammonita: Nagni - Ciccotti (R)

 

 

Serie A

Sesta giornata

 

Res Roma -Verona 3-0

Ravenna - Fiorentina 0-0

Juventus - Sassuolo 2-0

Atalanta - Pink Bari 4-0

Tavagnacco - Empoli 4-1

Chievo Verona - Brescia (Dom.)

 

Classifica

 

Juventus 18

Brescia 15

Tavagnacco 13

Chievo Verona 10

Res Roma - Fiorentina - Atalanta 9

Verona - Ravenna 6

Empoli 4

Pink Bari 1

Sassuolo 0

 

Commento (0) Letture: 45
Stampa

Empoli - Res Roma 0-4

MARTINOVIC FIRMA UNA TRIPLETTA E TRASCINA LE GIALLOROSSE

Marcatrici: 11' 45' 61' Martinovic 26' Ciccotti

Empoli: Baldi, Di Guglielmo, Esperti, Prugna, Orlandi, Bargi, Meropini (53' Acuti), Mastalli (72' Orsi), Morucci (25' Caucci), Cinotti, Filangieri. A disp.: Vicenzi, Venturini, Naticchioni, Borghesi. All.: A.Pistolesi

Res Roma: Pipitone, Romanzi 57' Lommi), Savini, Fracassi, Labate, Ciccotti, Greggi, Picchi, Simonetti (87' Orlando), Nagni, Martinovic (75' Palombi). A disp.: Parnoffi, Chiappa, Corrado, Natali, Orlando. All.: F.Melillo

Arbitro: Moretti di Città di Castello

Con una grande prova, frutto di tanto carattere e di un ottimo gioco, la Res Roma espugna il campo dell'Empoli con un perentorio 4 a 0 e sale in classifica a quota 6 punti, balzando al sesto posto del ranking. Protagonista assoluta del match è Melania Martinovic che con tre gol trascina la Res Roma al secondo successo stagionale.

Mister Melillo opta per il modulo 4-3-1-2, con Pipitone tra i pali, Labate, Romanzi, Fracassi e Savini in difesa, Picchi, Greggi e Ciccotti a centrocampo, e con Simonetti alle spalle di Martinovic e capitan Nagni.

È l'Empoli a partire con il piede sull'acceleratore e nei primi 120 secondi mette in due occasioni i brividi alla retroguardia giallorossa: al primo minuto Orlandi serve Bargi che tenta di superare Pipitone con un pallonetto che termina di poco alto; un minuto dopo Cinotti entra in area e con un bel diagonale costringe Pipitone alla deviazione. La Res ordina le idee con il passare dei minuti ed inizia a macinare azioni da gol: al quinto Ciccotti manda di poco fuori un bel diagonale da dentro l'area mentre due minuti dopo Martinovic entra in area ma perde l'attimo per il tiro, con le padrone di casa che si salvano in corner. All'undicesimo il gol che sblocca il match: millimetrico lancio di Labate per Martinovic che supera in velocità la retroguardia empolese e con un preciso pallonetto supera Baldi. La risposta dell'Empoli è tutta in due tiri dalla distanza di Morucci e Mastalli entrambi facilmente parati da Pipitone. Al ventesimo Labate manda di poco fuori da buona posizione; al minuto 23 Nagni si libera di un difensore e con un bel tiro al volo gonfia la rete empolese ma l'arbitro annulla per una presunta carica sul difensore. Al ventiseiesimo giunge il raddoppio: cross dalla sinistra di Greggi e tiro di prima intenzione di Ciccotti che batte Baldi e firma il 2 a 0. L'Empoli non riesce più a rendersi pericolosa e allo scadere giunge la terza rete, ancora ad opera di Martinovic che su assist di Simonetti supera Baldi con un altro preciso pallonetto.

Nella ripresa il copione resta simile: l'Empoli parte bene alla ricerca del gol che riaprirebbe il match e si rende subito pericolosa con Mastalli, il cui tiro termina fuori, e con Bargi la cui conclusione è parata da Pipitone. Al decimo Simonetti impegna Baldi con un destro dalla distanza, mentre al sedicesimo arriva il poker giallorosso, griffato ancora una volta Martinovic, ma stavolta il merito è tutto di Nagni, che con un bel tiro dal vertice dell'area costringe Baldi alla corta respinta e per il bomber capitolino è semplice siglare il 4 a 0. Il match resta piacevole, con l'Empoli che cerca il gol della bandiera e con le giallorosse che con capitan Nagni e Martinovic sfiorano più volte la quinta marcatura.

Le dichiarazioni post match del tecnico della Res Roma, Fabio Melillo: “Complimenti alle ragazze per come hanno combattuto una gara che è stata una battaglia: hanno lottato e preso con convinzione un risultato importante. C’è da fare i complimenti al reparto avanzato per il gran lavoro di qualità che hanno fatto Simonetti e Nagni, finalizzato con determinazione da Martinovic; dietro sempre attenti e a centrocampo non si è mollato un centimetro. Sono soddisfatto davvero, ora testa al Verona altra gara fondamentale."

 

 

Serie A

5° Giornata 11 Novembre 2017

 

Verona – Atalanta 1-2

Brescia – Ravenna Woman 2-1

Empoli – Res Roma 0-4

Fiorentina – Tavagnacco 1-1

Pink Bari – Juventus 1-2

Sassuolo – Chievo Verona 0-1

 

Classifica

Brescia – Juventus 15 punti

Tavagnacco - Chievo Verona 10 punti

Tavagnacco 9 punti

Fiorentina 8 punti

Res Roma – Atalanta 6 punti

Ravenna – Verona 5 punti

Empoli 4 punti

Bari 1 punto

Sassuolo 0 punti

 

Commento (0) Letture: 717
Stampa

Tavagnacco - Res Roma 2-1

Marcatrici: 11' Ciccotti (R) 45' Camporese (T) 46' Clelland (T)

Tavagnacco: Ferroli, Martinelli, Frizza, Mella, Tuttino, Clelland, Polli, Cecotti, Erzen, Catena, Camporese. A disp.: Copetti, Donda, Gallo, Veritti, Tortolo, Grosso, Blarzino. All.: A.Cassia

Res Roma: Pipitone, Colini, Romanzi, Picchi, Lommi (88' Corrado), Labate, Ciccotti, Greggi, Martinovic (82' Savini), Nagni, Simonetti (70' Palombi). A disp.: Parnoffi, Chiappa. All.: F.Melillo

Arbitro: T.Johannes di Merano

Ammonite: Camporese - Catena - Tuttino (T) Simonetti - Colini - Romanzi (R)

Espulsa: Colini per doppia ammonizione

Terza sconfitta consecutiva per la Res Roma che perde 2 a 1 sul campo del Tavagnacco al termine di un match vibrante e ricco di emozioni, in cui le giallorosse pagano a caro prezzo sessanta secondi di disattenzione nel finale del primo tempo che fruttano alle padrone di casa i gol che valgono i tre punti.

Mister Melillo deve fare i conti con tante assenze: mancano infatti all'appello le infortunate Coluccini, Orlando e Mosca e l'indisponibile Fracassi.

La Res parte bene, si rende pericolosa con Martinovic e poi passa in vantaggio all’undicesimo con Ciccotti, che festeggia nel migliore dei modi la presenza numero 100 in maglia giallorossa: sugli sviluppi di un calcio piazzato di Romanzi, Martinovic spizzica la palla e la centrocampista giallorossa firma in spaccata l'uno a zero battendo Ferroli da pochi passi. La reazione del Tavagnacco tarda ad arrivare e non va oltre una conclusione di Clelland che termina fuori, mentre per le ospiti è Simonetti a sfiorare il raddoppio; nel giro di un minuto, tra il ventinovesimo ed il trentesimo doppia occasione per le padrone di casa con Clelland e Polli, ma in entrambe le occasioni Pipitone si fa trovare pronta. A due minuti dal termine Ferroli neutralizza un tiro di Ciccotti, mentre al quarantacinquesimo Camporese pareggia i conti direttamente da calcio piazzato. Dopo il danno, la beffa: a tempo scaduto Clelland in contropiede beffa la retroguardia giallorossa e firma il 2 a 1 che vale il sorpasso delle friulane.

Nella ripresa le giallorosse provano a fare il match alla ricerca del pareggio: al secondo minuto ci prova Nagni la cui conclusione da calcio piazzato è parata da Ferroli; le azioni si susseguono con le padrone di casa che si rendono pericolose con le ripartenze della solita Clelland e con la Res Roma che va vicina al pari prima con Greggi, che manda a lato, e poi ancora con capitan Nagni su cui Ferroli si supera e devia in corner. Al ventunesimo Simonetti firma il 2 a 2 ma l’arbitro annulla per un sospetto fuorigioco. La gara prosegue con la Res Roma che mantiene il possesso palla e si rende pericolosa con azioni manovrate, mentre le padrone di casa continuano a giocare di rimessa e a ripartire sfruttando la velocità di Clelland. Nel finale seconda ammonizione e conseguente espulsione per Colini, che tocca le gambe dell’avversaria ma senza voler commettere fallo: l’arbitro però legge la dinamica in modo diverso e lascio in dieci le giallorosse.

Al triplice fischio esultano le padrone di casa che volano a quota 9 in classifica, mentre la Res Roma, reduce da un trittico di gare contro avversarie di primo livello, resta ferma a quota 3 punti.

Le dichiarazioni post gara del tecnico romano Fabio Melillo: "Le ragazze hanno giocato molto bene, a testa alta e con grande impegno, al cospetto di una delle formazioni migliori del campionato. Tanto cuore e voglia di fare, dobbiamo crescere ma oggi è arrivato un bel segnale, meritavamo secondo me qualcosa di più: purtroppo gira un po’ male sugli episodi ma questa è la strada giusta. Sì è visto lo sforzo mentale di migliorarci e la prestazione è salita di tono, ora iniziamo un ciclo di confronti diretti e sappiamo come fare."

 

 

SERIE A

IV° Giornata 4 Novembre 2017

Chievo Verona – Pink Bari 2-0

Fiorentina – Brescia 2-4

Juventus – Verona 1-0

Atalanta – Empoli 0-1

Ravenna Woman – Sassuolo 2-0

Tavagnacco – Res Roma 2-1

 

Classifica

Brescia – Juventus 12 punti

Tavagnacco 9 punti

Fiorentina – Chievo Verona 7 punti

Ravenna – Verona 5 punti

Empoli 4 punti

Res Roma – Atalanta 3 punti

Bari 1 punto

Sassuolo 0 punti

 

 

Commento (0) Letture: 577
Stampa

Res Roma - Atalanta 0-1


Marcatrice: 6' Pirone (A)

Res Roma: Pipitone, Picchi, Fracassi, Lommi (70' Savini), Labate, Ciccotti, Greggi, Simonetti, Palombi (65' Romanzi), Nagni, Martinovic. A disp.: Parnoffi, Chiappa, Liberati, Colini, Natali. All.: F.Melillo

Atalanta: Thalmann, Motta, Ledri, Stracchi, Piacezzi, Rizza, Pellegrinelli (70' Re), Alborghetti, Monterubbiano (60' Baldi), Scarpellini, Pirone. A disp.: Salvi, Fusar Poli. All.: E.Garavaglia

Arbitro: S.Menicucci di Lanciano

La Res Roma perde 1 a 0 contro l'Atalanta e rimedia la prima sconfitta interna stagionale al termine di un match molto fisico e tattico, ma poco spettacolare dal punto di vista del gioco.

Mister Melillo deve rinunciare alle infortunate Coluccini, Mosca e Colini, e alle Nazionali Orlando e Corrado, e opta per il modulo 4-3-3 con Pipitone tra i pali, Labate, Ciccotti, Lommi e Fracassi in difesa, Picchi, Simonetti e Greggi a centrocampo, Martinovic, Palombi e capitan Nagni in attacco.

Dopo soli sei minuti di gioco, alla prima vera occasione del match, le ospiti passano in vantaggio: punizione dalla tre quarti e palla all'ex Pirone che da pochi passi trafigge Pipitone, sigla l'uno a zero,  e non esulta per rispetto verso la curva giallorossa, di cui è stata l'idolo tre stagioni fa.

Le padrone di casa provano subito a reagire: per due volte nel giro di pochi minuti Martinovic viene proma anticipata al momento del tiro in porta e poi manda di un soffio a lato.
Il match prosegue con la Res Roma  che cerca di fare la gara ma le giallorosse appaiono confuse e sbagliano spesso l'ultimo passaggio, permettendo alle bergamasche di rendersi pericolose in contropiede con Pellegrinelli e Pirone.

Nella ripresa il copione non è diverso da quello visto nella prima frazione e le capitoline riescono a rendersi pericolose solo con sporadiche azioni offensive: al quinto Simonetti colpisce la parte alta della traversa, mentre al quarto d'ora è Labate a rendersi pericolosa dalle parti di Thalmann.
Al venticinquesimo l'arbitro assegna un corner alle ospiti ma Pirone si reca dalla direttrice di gara e ammette di aver toccato per l'ultima la palla, facendo assegnare alla Res la rimessa dal fondo.
Alla mezz'ora Piacezzi mette i brividi a Pipitone sfiorando il palo con un tiro da dentro l'area.
Due minuti dopo stessa sorte per Nagni che manca di pochi centimetri la porta difesa da Thalmann.
Nel finale occasioni anche per Labate e Martinovic ma non è giornata: nulla da fare per le romane che subiscono la prima sconfitta interna stagionale.

Le dichiarazioni del tecnico romano Fabio Melillo a margine del match contro le bergamasche: "Dobbiamo migliorare i particolari; le ragazze devono capire che la partita presenta tanti episodi e per farli girare a nostro favore, serve una lettura diversa di posizioni e traiettorie. È chiaro che giocavamo contro una squadra con interpreti importanti e che possiamo collocare sopra di noi come valore, ma la gara ha dimostrato che non siamo così lontani da quei livelli, però serve lavorare di più su ogni singola interprete, e loro devono lavorare per migliorarsi,con determinazione."

Serie A
3^ giornata

Empoli - Juventus 1-4
Sassuolo - Fiorentina 2-4
Pink Bari - Ravenna 0-0
Res Roma - Atalanta 0-1
Brescia - Tavagnacco 2-0
Verona - Chievo Verona 1-1

Classifica

Brescia - Juventus 9 punti
Fiorentina 7 punti
Tavagnacco 6 punti
Verona 5 punti
Chievo Verona 4 punti
Res Roma - Atalanta 3 punti
Ravenna 2 punti
Empoli - Pink Bari 1 punto
Sassuolo 0 punti

Commento (0) Letture: 147
Stampa

Juventus - Res Roma 4-0

Serie A

2^ giornata
 
Juventus - Res Roma 4-0
Marcatrici: 28´ Glionna - 54´ aut. Fracassi - 65´ Boattin (rig.) - 78´ Galli
 
Juventus: Giuliani, Hyyrynnen, Gama, Galli, Zelem (46´ Caruso), Rosucci, Franssi, Bonansea (46´ Cantore), Boattin, Glionna (73´ Sodini), Salvai. A disp.: Russo, Franco, Lenzini, Rood. All. R.Guarino
 
Res Roma: Pipitone, Picchi, Savini (57´ Romanzi), Fracassi, Labate, Greggi, Lommi, Simonetti, Palombi (57´ Orlando), Nagni, Martinovic. A disp.: Parnoffi, Coluccini, Liberati, Corrado. All.: F.Melillo
 
Arbitro: Silvia Gasparotti di Rovereto
Ammonite: Salvai (J)
 
 
 
Prima sconfitta stagionale per la Res Roma che perde 4 a 0 sul campo della Juventus; con una squadra decimata dalle assenze di 3 titolari, capitan Nagni e compagne reggono bene per 45 minuti ma nella ripresa devono arrendersi ad una Juventus costruita per vincere, che dimostra di essere il grande team di cui tutti parlano.
 
Mister Melillo deve fare a meno delle squalificate Ciccotti e Colini e dell´infortunata Coluccini, ed opta per il modulo 4-2-3-1 con Pipitone tra i pali, Labate, Fracassi, Savini e la debuttante Lommi in difesa, Simonetti e Picchi in mediana, e con il tridente Greggi, Nagni e Palombi che agisce alle spalle di Martinovic.
 
La Juventus parte bene e si rende pericolosa al quinto con un colpo di testa di Salvai che termina fuori.Al ventesimo Glionna semina il panico in area giallorossa e con un bel diagonale costringe Pipitone ad una difficile parata. Passa solo un minuto e Zelem manda alto un bel destro da fuori area. La Res Roma mette in apprensione la retroguardia bianconera ma non riesce ad insidiare la porta di Giuliani, sempre ben protetta da Gama e compagne.
Alla mezz´ora padrone di casa in vantaggio con Glionna che approfitta di un errore si Savini e infila alle spalle di Pipitone il primo storico gol della Juventus davanti al proprio pubblico.
Sul finire del primo tempo la solita Glionna sfiora il raddoppio ma Pipitone risponde con una grande deviazione in corner; sugli sviluppi dello stesso, stacco maestoso di Gama ed ennesima grande risposta dell´estremo difensore giallorosso, che dimostra ancora una volta di aver meritato la convocazione in Nazionale.
 
Ad inizio ripresa doppio cambio tra le banconere: fuori Zelem e Bonansea, dentro Cantore e l´ex giallorossa Caruso.La prima azione del secondo tempo è di marca capitolina: bel passaggio filtrante di Picchi per Palombi che a due passi da Giuliani si fa deviare la conclusione in angolo.Al nono minuto il raddoppio bianconero: tiro dalla distanza di Boattin, respinta di Pipitone e sfortunata deviazione di Fracassi che manda la palla alle spalle del proprio portiere. Il tris giunge al ventesimo: Boattin si procura e trasforma il penalty che vale il 3 a 0.
La Res Roma prova ad accorciare le distanze e ci prova con le conclusioni di Simonetti, Labate è Martinovic, ma a dieci minuti del termine è ancora la Juventus ad andare in gol che firma la rete del definitivo 4 a 0.

Le dichiarazioni post gara del tecnico romano Fabio Melillo: "Abbiamo avuto un buon approccio contenendo con ordine nel primo tempo, concedendo solo qualche mischia; chiaramente più passavano i minuti e più cresceva la sensazione che stavamo in partita prendendo anche coraggio, purtroppo siamo stati sfortunati sul primo gol e negli ultimi venti minuti abbiamo mollato dal punto di vista della grinta e della combattività, e questo non è accettabile. Il campionato è duro e dobbiamo allenarci rapidamente alle difficoltà che si possono incontrare; sapevamo di avere un inizio di campionato duro, certo complicato oltretutto dallo scempio arbitrale della scorsa settimana, ora però analizziamo i nostri errori e facciamo in modo che la sconfitta diventi insegnamento nel nostro percorso."

Commento (0) Letture: 106
Stampa

Res Roma - Fiorentina 0-1

Res Roma - Fiorentina 0-1

Marcatrice: 92' Bonetti

Res Roma: Pipitone, Romanzi (65' Giuliano), Picchi, Fracassi, Labate (75' Palombi), Ciccotti, Greggi, Spagnoli, Martinovic (85' Di Giammarino), Nagni, Simonetti. A disp.: Parnoffi, Savini, Giuliano, Mosca, Simeone. All.: F.Melillo

Fiorentina: Durante (65' Fedele), Binazzi, Linari, Adami, Orlandi, Bonetti, Salvatori Rinaldi, Vigilucci, Zazzera (77' Caccamo), Fusini, Ferrandi (77' Guagni). A disp.: Mauro, Tortelli. All.: A.Cincotta - S.Fattori

Arbitro: Labianca di Foggia

Ammonite: nessuna

 

Un gol in pieno recupero di Tatiana Bonetti regala alla Fiorentina la vittoria nel match contro la Res Roma valido per l'ultima giornata del campionato di serie A 2016-17. Davanti ad ottocento persone, e nel bellissimo scenario dello stadio Tre Fontane di Roma, la Res gioca un'ottima gara perdendo solo nel finale dopo aver sfiorato più volte il gol vittoria. Mister Melillo deve rinunciare alle infortunate Coluccini, Caruso e Colini, con Savini che fa il suo rientro nel gruppo accomondandosi in panchina dopo tanti mesi di assenza. Il tecnico romano manda in campo dal primo minuto Pipitone tra i pali, Spagnoli, Picchi, Fracassi e Romanzi in difesa, Ciccotti e Simonetti in mediana, con Greggi, Nagni e Labate alle spalle di Martinovic. Ampio turnover in casa Fiorentina che scende in campo con Durante, Binazzi, Linari, Adami, Orlandi, Bonetti, Salvatori Rinaldi, Vigilucci, Zazzera, Fusini e Ferrandi. Sotto il sole cocente e senza l'assillo del risultato, le due squadre danno vita ad una gara piacevole e ricca di occasioni da WhatsApp Image 2017-05-14 at 10.39.52gol. Le ospiti partono bene e si rendono subito pericolose con due tiri dalla distanza di Bonetti, terminati entrambi fuori, e con un tiro di Ferrandi parato da Pipitone. Con il passare dei minuti le padrone di casa prendono campo e sfiorano il gol con Greggi, Ciccotti e Labate. Il match prosegue con continui capovolgimenti di fronte: al trentacinquesimo la Res Roma va in gol con Martinovic ma il direttore di gara annulla per un sospetto fuorigioco; allo scadere grande occasione per le viola che con Salvatori Rinaldi di testa colpiscono in pieno la traversa. La ripresa va in scena sulla falsa riga del primo tempo: al quinto Pipitone nega il gol a Bonetti, mentre qualche minuto dopo Durante devia in angolo una bella conclusione di Martinovic. Al quarto d'ora la grande chance capita sui piedi di Martinovic che scatta sul filo del fuorigioco e sola davanti a Durante spreca una chiara occasione da gol. Le azioni si susseguono, la Res Roma ci prova con Simonetti e Nagni, le toscane rispondono con Vigilucci. Allo scadere grande occasione per Simonetti che sugli sviluppi di un corner di Nagni manca per qualche centimetro il tap in vincente. Sul rovesciamento di fronte la stella viola Bonetti estrae dal cilindro il gol che regala alla Fiorentina la ventunesima vittoria un ventidue gare di campionato. Al triplice fischio tutti in piedi per tributare a capitan Nagni e compagne la giusta ovazione per una stagione da incorniciare. Le dichiarazioni post gara del tecnico romano Fabio Melillo: "Abbiamo giocato bene: dopo venti minuti un po' timidi abbiamo iniziato a fare una gara di personalità; è stata una partita equilibrata e un episodio all'ultimo minuto l'ha indirizzata a loro favore. C'è un po' di rammarico perché credo si meritasse il pareggio, in uno scenario storico e con tanto pubblico, le ragazze hanno dato tanto,con coraggio e determinazione. Abbiamo chiuso con tre attaccanti e un trequartista, anche se ormai Simonetti è una giocatrice universale: ha fatto un campionato straordinario; oggi non avevamo difensori di ruolo in campo, un po' per necessità e un po' per scelta abbiamo preferito giocarcela a viso aperto cercando di giocare palla a terra e fraseggio verticale e, nonostante il caldo, le ragazze hanno dato un bel segnale. Bisogna continuare così. "

 

 

Ufficio stampa Res Roma

Commento (4) Letture: 762