Stampa

RES ROMA-BRESCIA 0-3

RETI: st 12’ Sabatino, 20’ e 29’ Girelli (rig.)

RES ROMA: Pipitone, Romanzi (30’ st Mosca), Savini, Coluccini (35’ st Corrado), Nagni, Fracassi, Lommi, Labate, Ciccotti, Greggi, Simonetti. (Parnoffi, Natali, Graziosi, Pienzi, Cosentino). All.: Melillo

BRESCIA: Marchitelli, Di Criscio, Fusetti, Hendrix, Sikora (40′ st Heroum), Girelli, Giugliano (30’ st Tomaselli), Daleszczyk, Mendes (37’ st Pettenuzzo), Giacinti, Sabatino. (Ceasar, Zanzi, Cacciamali, Ghisi). All.: Piovani.

ARBITRO: Pezzopane da L’Aquila.

Ammonite: Coluccini (R) Sikora (B)

Sconfitta interna per la Res Roma che perde 3 a 0 il match contro il Brescia valido per la terz'ultima giornata di Serie A: le capitoline giocano un ottimo primo tempo ma cedono nella ripresa sotto i colpi di Sabatino e Girelli, autrice di due reti dal dischetto.

Mister Melillo deve fare a meno della squalificata Picchi e delle infortunate Martinovic, Palombi e Biasotto; inoltre il tecnico romano è costretto a schierare Pipitone e Romanzi, non in perfette condizioni fisiche ed in bilico fino al riscaldamento pre gara.

Il Brescia cerca subito di fare la partita ma le prime occasioni da rete le crea la Res Roma: all'ottavo bel tiro al volo di Greggi che termina di poco a lato, mentre al quarto d'ora Nagni prova a sorprendere Marchitelli con un pallonetto ma l'estremo difensore lombardo si fa trovare pronta. Il Brescia si rende pericoloso a metà primo tempo con Daleszczyk che non inquadra la porta; al venticinquesimo corner di Giugliano, colpo di testa di Girelli con Pipitone che devia in angolo. Al trentacinquesimo la Res Roma va in gol con Labate ma l'arbitro annulla la rete per un dubbio fuorigioco. Al minuto 42 grande occasione per Giacinti che da pochi passi costringe Pipitone alla difficile deviazione.

Nella ripresa il Brescia spinge sull'acceleratore e al dodicesimo trova il gol del vantaggio con Sabatino che trasforma in rete un assist di Giugliano. Qualche minuto dopo gran tiro di Nagni e ottima risposta di Marchitelli che salva la porta ospite. Al ventesimo Sikora viene atterrata in area e l'arbitro concede il penalty alle ospiti: dal dischetto Girelli non sbaglia e firma il raddoppio. Alla mezz'ora la scena si ripete: altro rigore per il Brescia e secondo gol dal dischetto per Girelli che firma il 3 a 0. Nel finale gran bel gol di Labate ma per la seconda volta l'arbitro annulla su segnalazione del guardalinee.

Al triplice fischio esultano le bresciane che mantengono la vetta assieme alla Juventus raggiungendo quota 54 punti; rinviato l'obiettivo salvezza per le giallorosse che sabato faranno visita alla Fiorentina nel penultimo match del campionato.

Le dichiarazioni post gara del tecnico romano Fabio Melillo: "Le ragazze hanno interpretato molto bene la gara, abbiamo giocato con dignità e qualità al cospetto di un grande avversario. Nel primo tempo meritavamo il vantaggio, che tra l'altro avevamo realizzato con un gol che mi sembrava buono. Nel secondo siamo un po’ calati ma abbiamo avuto ancora un gol dubbio (e bellissimo) di Labate, oltre ad una gran parata di Marchitelli su Nagni. Abbiamo subito un gol su angolo e due su rigore(giusti), non abbiamo lasciato spazi con applicazione e dedizione, poi chiaramente è emersa un po’ di stanchezza, ma questa è una squadra che merita un applauso importante. Sugli spalti la partita è stata uno spot per il femminile, siamo orgogliosi di quanto fatto in questi anni, ringrazio (oltre la mia grandissima tifoseria) anche i tifosi del Brescia, prendere applausi personali da una tifoseria avversaria è una grande soddisfazione, perché fatti con sincerità e perché hanno sempre apprezzato le nostre prerogative, grazie di cuore."

Lascia il tuo commento

0
termini e condizioni.
  • Nessun commento trovato