Stampa

Pink Bari - Res Roma 1-0

Marcatrice: 80' Quazzico

Pink Bari: Aprile, Quazzico, Novellino, Soro, Ceci (90° Marrone), Serturini, Vivirito, Piro, Bassano, Manno (60° Pinna), Parascandolo (87° Rogazione). A disp.: Groff, Di Fronzo, Marrone, Montemurro, Strisciuglio. All.: R.D'Ermilio

Res Roma: Pipitone, Colini, Savini, Picchi, Fracassi, Labate, Ciccotti, Greggi, Martinovic (61° Palombi), Nagni, Simonetti. A disp.: Parnoffi, Romanzi (81° Romanzi – 85° Lommi), Chiappa, Corrado, Liberati. All.: F.Melillo

Arbitro: Travascio di Moliterno

Ammonite: Labate, Martinovic, Palombi, Fracassi ( R) – Piro, Serturini (B)

Sconfitta di misura in quel di Bari per la Res Roma, che perde 1 a 0 contro la Pink Bari, nel match valido per la settima giornata del campionato nazionale di serie A di calcio femminile. Le giallorosse giocano un'ottima gara ma vengono penalizzato da un arbitraggio discutibile e da un gol di Quazzico che firma la rete vittoria a dieci minuti dalla fine.

Mister Melillo ripropone lo stesso modulo con cui la Res ha battuto il Verona, con Pipitone tra i pali, Labate, Colini, Savini e Fracassi in difesa, Greggi, Picchi e Ciccotti a centrocampo, e con Simonetti alle spalle di Martinovic e capitan Nagni.

Dopo una prima fase di studio, il match entra nel vivo dal quarto d'ora, con la Res Roma che si rende pericolosa prima con Picchi e poi con Ciccotti, le cui conclusioni sono neutralizzate da Aprile; al ventesimo è capitan Nagni a mettere i brividi alla porta barese, con una bella conclusione che sfiora il palo. La prima conclusione a rete delle padrone di casa giunge al minuto ventitre con Piro, che non centra lo specchio della porta; due minuti dopo è ancora Nagni a sfiorare il gol, ma Aprile devia in corner. La gara prosegue ad alti ritmi con la Res che ci prova anche con Greggi, e con la Pink che risponde con una conclusione di Serturini.

Nella ripresa la gara resta bella da vedere, con Pink e Res che si affrontano a viso aperto: al quarto d'ora è la neo entrata Palombi a costringere ancora una volta Aprile al difficile intervento, mentre al ventiduesimo è Greggi a sfiorare il gol. Con il passare dei minuti la gara si inasprisce e il gioco diventa spezzettato, con l’arbitro che diventa protagonista in negativo del match. A dieci minuti dal termine il gol che decide la gara: sugli sviluppi di un corner Quazzico ruba il tempo a tutte e mette alle spalle di Pipitone il gol che vale la prima vittoria stagionale per la Pink Bari.

Nei minuti finali le ospiti chiudono la Pink nella propria tre quarti campo, ma la difesa barese regge bene e il risultato non cambia piu’.

La delusione di mister Melillo a fine match: “Una gara purtroppo condizionata da una direzione di gara debole, priva del decisionismo e del rispetto che merita una partita di A; le ragazze hanno giocato bene finché c’è stato permesso, penso che su questo campo neanche la Juve ha creato ciò che abbiamo creato noi, mettendo in mostra in velocità una sequenza di azioni che solo sfortuna e imprecisione hanno voluto che non si tramutassero in gol. Abbiamo lottato ma devo annotare, nel giudicare la presentazione, che non ci è stato permesso di giocare al calcio a causa dell’interpretazione arbitrale: non è la prima volta che succede, probabilmente le ragazze del Bari sono più scaltre ed esperte ed hanno approfittato di questa situazione; brave loro ma il mio calcio è altro, spero di non vedere più vanificati lavoro e sacrifici da situazioni esterne al gioco come quelle di oggi; venti minuti finali (non che prima abbia fatto meglio) dove è stato permesso di fare di tutto, e regalato punizione da ogni parte del campo, dove per un’ora non ci aveva fischiato niente; a furia di regalare palle da fermo ha permesso a loro di fare gol. Esco deluso, praticamente Pipitone non ha fatto una parata e noi abbiamo avuto sette/otto occasioni nitide; purtroppo abbiamo gente giovane in campo che ancora non è avvezza a certe cose, ma,ripeto, il problema è chi permette, chi è inadeguato ad un palcoscenico così. Ringrazio le ragazze per impegno e qualità e guardo avanti, anche se c’è amarezza immensa per quello che capita settimanalmente in questa categoria, e lo dico per tutti, meritiamo qualità diversa: oggi poteva finire veramente male in campo con quello che è stato fatto, meriti alla fine all’intelligenza delle calciatrici."

 

SERIE A

VII° Giornata 2 Dicembre 2017

 

Verona – Empoli 2-1

Brescia – Juventus 0-4

Fiorentina – Chievo Verona 4-0

Pink Bari – Res Roma 1-0

Ravenna Woman – Tavagnacco 1-5

Sassuolo – Atalanta 1-2

 

CLASSIFICA

Juventus 21

Brescia 18

Tavagnacco 16

Fiorentina, Atalanta 12

Chievo Verona 10

Res Roma 9

Verona 8

Ravenna 6

Pink Bari, Empoli 4

Sassuolo 0

 

Lascia il tuo commento

0
termini e condizioni.
  • Nessun commento trovato