Stampa

Campionato Primavera Semifinale di ritorno: Fiorentina - Res Roma 2-2

Fiorentina - Res Roma 2-2
Marcatrici: 21' Labate 54' Greggi  (R) 78' - 83' Vigilucci (F)

Fiorentina: Durante, Ugolini, Gwiadowska, Corazzi, Morreale, Grundmann, Tortelli, Domi, Zazzera, Lulli (70' Lorieri), Vigilucci. A disp.: Nardi, Pastifiri, Pastorelli, Orsi, Cona. All.: S.Colzi

Res Roma: Parnoffi, Giuliano (64' Graziosi), Liberati, Corrado, Chiappa, Picchi, Simonetti, Caruso (84' Chaid), Greggi, Labate, Natali (60' Pienzi). A disp.: Franco, De Angelis, Pienzi, Chaid, Valentini, Felici, Graziosi. All.: F.Melillo

Ammonita: Lulli (F)

La Res Roma pareggia 2 a 2 sul campo della Fiorentina, ed in virtù della netta vittoria ottenuta nel match di andata, accede per la terza volta consecutiva alla finalissima scudetto del campionato nazionale Primavera, dove incontrerà l'Inter che ha eliminato il Verona.

greggiMister Melillo decide di rinunciare a capitan Palombi, che fa spazio all'altra fuoriquota classe '97 Picchi, e opta per il modulo 4-2-Fantasia, con Greggi, Caruso, Simonetti e Labate che agiscono in attacco, coperte in mediana da Natali e Picchi, e con Liberati, Corrado, Chiappa e Giuliano che compongono la linea difensiva.

La prima conclusione a rete porta la firma di Natali che ci prova dalla distanza all'ottavo minuto; le padrone di casa rispondono al quarto d'ora con un bel diagonale di Vigilucci che sfiora di un soffio il palo. Il match prosegue a ritmi alti, con le due squadre che provano a sbloccare il risultato senza però creare mai reali pericoli ai portieri avversari.
Al ventunesimo è Labate a sbloccare il match con un tiro dai trenta metri che termina la propria corsa alle spalle di Durante.
La risposta viola è affidata a Vigilucci che fa gridare al gol la propria tifoseria sfiorando il palo.
Alla mezz'ora bel diagonale in acrobazia di Simonetti con Durante che devia in corner; cinque minuti dopo Greggi entra in area e manda di un soffio alto, mentre quasi allo scadere è Chiappa di testa a sfiorare il raddoppio.

Nella ripresa ci pensa Greggi a chiudere definitivamente i conti della qualificazione siglando al nono la rete del due a zero con una bella conclusione dal limite.
Con la qualificazione già in tasca e con la testa alla finale, le giallorosse abbassano notevolmente il ritmo mentre le viola nel finale hanno una fiammata di orgoglio e con Vigilucci prima accorciano le distanze e poi pareggiano i conti: due gol fotocopia dai venticinque metri per il talento gigliato che al trentatreesimo e al trentottesimo sorprende Parnoffi e fissa il risultato sul definitivo 2 a 2.

Al triplice fischio esultano le baby giallorosse che entrano nella storia del calcio femminile italiano raggiungendo il traguardo della terza finale scudetto consecutiva: sabato 24 giugno, sempre presso il centro federale "Bozzi" di Firenze, capitan Palombi e compagne affronteranno l'Inter e proveranno a centrare lo storico traguardo del terzo tricolore in tre anni.

"Abbiamo disputato un'ottima partita, concedendo qualcosa alla Fiorentina solo nel finale, quando ormai avevamo la qualificazione in tasca - ha dichiarato il talento romano Giada Greggi - Complimenti alle nostre avversarie che hanno dimostrato nel doppio confronto di essere un'ottima squadra. Ora concentriamoci sulla finale: sappiamo che sarà dura ma ovviamente daremo il massimo perché vogliamo vincere."

 

Ufficio stampa Res Roma

Lascia il tuo commento

0
termini e condizioni.

Persone in questa conversazione

Commenti (1)

  • Ottimo risultato centrare la 3a finale consecutiva! Ora resta l'ultimo atto contro l'Inter, una formazione da non sottovalutare a priori. Coach Melillo, da esperto e navigato, conosce bene il calcio e saprà predicare "humilté" e dare alle ragazze la carica giusta. Daje "Corsare ressine" il sogno è a portata di mano ed occorre una prova maiuscola per farlo proprio. Delle avversarie, viste col Verona, mi ha fatto una buona impressione il n. 10 Bonfantini e alcuni tagli del n. 7 Borges. Però si può fare!! AriDaje Res!