Stampa

Le poesie di Mister Melillo

TERRACINA

 

C’è sempre un motivo

 

Se pè sta passione cè vivo,

 

è un calcio diverso fatto dè valori

 

nun è pè soldi che te sacrifichi e cori,

 

è tutta n’artra storia , giochi pè la gloria…

 

tutto a un tratto decidi de falle giocà sulla spiaggia,

 

te guardeno dubbiose ma se fideno ,

 

se butteno nell’arena e te tritano ,

 

è troppo bello passacce du giorni

 

c’hanno sempre quer soriso

 

che t’apre er core e d’ entusiasmo è intriso

 

so proprio gladiatrici tutte insabbiate ,

 

me sembra che pè fa le rovesciate ce so’nate

 

vincono , lottano e sognano de esse importanti ,

 

perché se vestono da pallone senza tanti vanti.

 

Sognano con me , a occhi aperti

 

“Ecco Mister , gioco pè la squadra , cosi pure te, te diverti…”

 

se cerca de insegnà na filosofia

 

che ormai lo so , nun è più solo mia…

 

LAZIO-INTER CHE AMAREZZA!!


Me so immaginato cò ‘n fijo vicino ar letto

A spiegaglie sto scudetto,

e faje capì sto fetore

che sente intorno ai senza onore,

tutta gente triste e inerme

davanti alla storia, quella perenne,

quella che insegna l’appartenenza,

che mica ‘a capisci se nun c’hai coscienza.

Pe fortuna mia nun me so mai trovato

A tifà contro quello che ho sempre amato,

perché ‘a Roma mia nun la vojo vedè mai perde,

figuramose sur prato verde.

Te sei gemellato, e hai scritto n’artro brano

Te sei scoperto servo de Milano,

Perché pè lassà er segno in campionato

Devi perde p’esse ricordato.

Allora te dico nun c’è onore

Che chi vò perde e pure ‘n fretta

Pe consumà nà vendetta,

perché poi apri l’occhi e sei da lazio,

in questa città sei ospite, nun conti ‘n cazzo,

te sei offeso, nun accetti er dileggio

c’hai proprio ragione,

nun tè riuscito manco ‘n pareggio,

quest’anno Cassetti e poi er Montenegrino

Er Capitano bellissimo cor dito Divino.

FABIO MELILLO

 

LA PASSIONE

Ho iniziato cor pallone

‘n mezzo a nà strada, cor solleone

Sempre pronto e impunito

Me soò fatto li muscoli dè granito

Nun volevo mai perde

Giocando co la verve

Cò nà serranda pe nà porta,

oppure su ‘n prato,

che era tutta nà storta.

Sento l’odore dell’ojo canforato

E penso che pe questo quarcuno m’ha creato.

A ‘n certo punto n’ho pensato a artro

Sempre cor pallone dietro

Senza mollà ‘n metro.

So cresciuto senza rimpianto,

e quanno ho perso ho pure pianto.

De tutti c’ho avuto l’affetto

Perché Capitano, perché me so meritato er rispetto

Perché sentitte ‘n trascinatore

Te fà grande, te fa dì…. Ahò so n’ GIOCATORE!!!

FABIO MELILLO

 

LA ROMA MIA


Ogni tanto, Benedetto

Me sogno nò scudetto

Poi me movo e me rivorto

Pensando a ‘n ber filotto,

perché mica semo tutti cojoni

volemo pure ‘a coppa dei campioni,

ogni vorta me risveglio

e dico “se nun ero tifoso era meglio “

poi me fermo a guardà ‘na via,

una qualsiasi, de Roma mia,

e m’accorgo quasi d’incanto

che c’ho proprio tutto quanto

la storia, li monumenti

e pure nà squadra coi sentimenti,

un capitano, n’omo vero

der quale andrò sempre fiero,

e quanno me sdraio e appoggio er mento

lo vedo cor dito ‘n bocca

e m’addormento.

FABIO MELILLO




A Valentina, Gioia, Eleonora, Manu, Martina, Ila, Cekka, Noemi, Fraca, Cecio Ari, Cecio Lu, Emy, Lory, Vanessa, Mauro, Corrado..

Mica è vero che de sta vita so semplice passeggero, 

Ogni tanto sviluppo ‘n testo 

E me fa crede in me stesso,

inseguo infatti stando nel calcio da nà vita,

ecco allora l’emozione de na squadra de pallone,

troppo forte e passionale

co Pipitone da Nazionale,

in difesa nun se passa,

sembrano tutti ragazzini

ar cospetto de Gioia e de Colini,

er gladiatore lotta mena e riparte

stà qualità de Villani pe me è arte,

Er capitano purga ogni partita

Mannaggia er periodo de la caviglia stranita;

Rosa, Serena e Nicita sembrano con noi da nà vita;

Te manno per tera, senti che botto

Me presento, so Eva Biasotto;

L’emozione, te la lascia la storia

Te fermi a pensà ar firm della gloria,

chiudi l’occhi e le vedi ride

è questo che te fa crede,

artro che religione e politica,

è l’appartenenza la cosa mitica.

Le voglio nominà tutte, ma nu me c’entrano,

allora le metto pè titolo, je metto dù ali

ecco fatto,

così me diventano immortali.

FABIO MELILLO

 

A FABIO.. by Artemio

ma tu guarda sto allenatore
cià la faccia da duro ma ha un gran cuore
altro che il solito romanista burino analfabeta,
gli fa un baffo a pasolini sto poeta...
lo vedi in campo con sti muscoli da fuori
e pensi se si inkazza per tutti son dolori
poi lo conosci e lo apprezzi da ogni lato
ma tu vedi stò mister com è sdolcinato
prima in campo sembra che le voglia vedere distrutte
ma poi le coccole tutte, belle e brutte
e il gruppo lo adora anche quando strilla
perchè è grazie a lui che la res brilla
e noi siam fieri di avercelo in questa roma
perchè la res senza lui è come un re senza corona